Ghiaccio-nove

Uno scrittore decide di scrivere un libro sul giorno in cui è stata
sganciata su Hiroshima la prima bomba atomica. Si intitola Il giorno in cui
il mondo finì ed è centrato sull'idea di descrivere cosa stessero
facendo alcuni scienziati nucleari nell'esatto momento in cui avveniva la
catastrofe. Attraverso una corrispondenza con i tre figli dell'ormai defunto
Felix Hoenniker, il premio Nobel che ha costruito la bomba, lo scrittore
descrive il suo ritratto. Apprendiamo così che, proprio in quel giorno fatale,
il dottor Hoenniker era riuscito a risolvere un gioco che lo stava impegnando da
un bel po' e che la notte della sua morte, avvenuta anni dopo, stava
trafficando in cucina con dei pezzetti di ghiaccio: aveva trovato il modo per
far ghiacciare l'acqua ad alte temperature. Questa sua invenzione è, in
realtà, un'arma micidiale, capace di congelare ogni forma di vita sulla
Terra. I tre figli cercheranno di utilizzare quest'ultima scoperta paterna.
Ognuno imbocca la sua strada. Scoprire cosa faranno delle loro vite costituisce
la seconda parte del romanzo. Salutato al suo apparire, nel 1963, da Graham
Greene come "uno dei tre migliori romanzi dell'anno scritto dal più
bravo scrittore vivente", Ghiaccio-Nove è l'opera di Vonnegut
più letta e amata dalle giovani generazioni. È un libro che contesta quasi
ogni aspetto della nostra società attraverso la parodia e l'artificio che,
visto il mondo apparentemente privo di senso in cui ci muoviamo, sembra essere
uno dei pochi modi con cui descriverlo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

La tragedia e l’opera buffaIl Consigliere Letterario

L’amara parabola di Vonnegut, che soltanto nelle ultime pagine si abbandona a descrizioni dense, cariche, intense, che danno in pieno il senso della tragedia (e rendono concrete, palpabili le paure del mondo, ostaggio della guerra fredda e della minaccia atomica), è un’opera di eccezionale profondità declinata nei toni delicati di un’opera buffa; è un libro che si legge con spensieratezza, con quieta gioia, ma la cui voce, ostinata come un’eco, non si spegne. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Kurt Vonnegut

Il grande tiratore

Il grande tiratore di

Il rampollo di una ricca famiglia di Midland City, nell’Ohio, Otto Waltz, viene mandato a Vienna per iscriversi alla celebre Accademia di belle arti. Otto è fermamente convinto di avere un grande talento artistico, ma non la pensano così i professori dell’accademia, che non lo ammettono nemmeno ai corsi. Identica bocciatura affligge uno sbandato austriaco di nome Adolf Hitler, che Otto prende s...

Dio la benedica, dottor Kevorkian

Dio la benedica, dottor Kevorkian di

Brillanti e corrosive: le «interviste impossibili» di un maestro indimenticato dell'umorismo nero.Kurt Vonnegut, irresistibile «inviato speciale nell’aldilà», conduce ventuno interviste immaginarie con scrittori, scienziati, personaggi storici, ma anche con donne e uomini comuni che si sono resi protagonisti di piccoli straordinari atti di eroismo.Cosa pensa realmente Adolf Hitler dell’Olocaust...

Kurt Vonnegut. Tutti i racconti

Kurt Vonnegut. Tutti i racconti di

Organizzati da Jerome Klinkowitz e Dan Wakefield per temi – “Guerra”, “Donne”, “Scienza”, “Amore”, “Etica del lavoro contro fama e fortuna”, “Comportamento umano”, “Il direttore della banda” e “Il futuro” – questi novantotto racconti sono stati scritti tra il 1941 e il 2007, e includono lavori pubblicati su giornali e riviste e poi raccolti in diversi volumi, cinque inediti e una manciata di te...

Ricordando l'Apocalisse (I narratori)

Ricordando l'Apocalisse (I narratori) di

Dodici racconti inediti, introdotti e raccolti dal figlio Mark, nei quali si rivede il Vonnegut che conosciamo: spiritoso, vivace, caustico, con una particolare attenzione al tema della guerra e agli immensi dolori che tutti i conflitti infliggono all’umanità.

Madre notte

Madre notte di

Il libro è il racconto in prima persona di un americano trasferitosi con la famiglia in Germania dopo la prima guerra mondiale, che vi resta anche dopo la presa del potere di Hitler e diventa la voce della propaganda nazista di Goebbels per gli Stati Uniti. All'inizio e alla fine del libro il protagonista si trova in una prigione israeliana, in attesa di processo per crimini di guerra, lì ripen...

Mattatoio n. 5

Mattatoio n. 5 di

Verso la fine della seconda guerra mondiale Vonnegut, americano di origine tedesca, accorse con tanti altri emigranti in Europa per liberarla dal flagello del nazismo. Fatto prigioniero durante la battaglia delle Ardenne, ebbe la ventura di assistere al bombardamento di Dresda dall'interno di una grotta scavata nella roccia sotto un mattatoio, adibita e deposito di carni. Da questa dura e incan...