Di passaggio

Riproponiamo nella collana «La memoria» il romanzo letterario di Jenny Erpenbeck 'Di passaggio', il suo capolavoro, la storia della Germania raccontata attraverso le vicissitudini di una casa e delle persone che l’hanno abitata.
Una tenuta nel Brandeburgo, in Germania Est, è testimone silenziosa, tra cessioni ed espropri, di un intenso mosaico di violenze e passioni, drammi individuali e collettivi. A scandirne il ritmo nell’alternarsi delle stagioni e delle epoche, è il giardiniere della tenuta, sopravvissuto a tutti i proprietari prendendosi cura della proprietà, quasi ne fosse lui stesso un prolungamento. Ma vera protagonista è la Storia che avvolge le esistenze di queste persone, tutte inesorabilmente alla ricerca di un luogo in cui sentirsi a casa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Jenny Erpenbeck

Storia della bambina che volle fermare il tempo

Storia della bambina che volle fermare il tempo di Jenny Erpenbeck Sellerio Editore

Una notte la polizia trova in strada una ragazzina. Sostiene di avere quattordici anni, ma non ricorda come si chiama, dove vive o chi siano i suoi genitori e l’unica cosa che ha con sé è un secchio vuoto. Grande e grossa, con un corpo sgraziato, viene portata in un istituto e lasciata al suo destino di orfana. Un romanzo breve che assume la forma del giallo e della favola, una storia dai ...

Voci del verbo andare

Voci del verbo andare di Jenny Erpenbeck Sellerio Editore

Berlino, oggi. L’arrivo di uomini disperati alla ricerca di una nuova vita. Il nostro mondo - come è, come potrebbe essere. Un romanzo su chi accoglie e chi si rifugia, sulla fuga e l’attesa. «Un’utopia poetica ed emozionante, una sorta di antidoto alla “sottomissione” di Houellebecq» (DIE WELT).

Storia della bambina che volle fermare il tempo

Storia della bambina che volle fermare il tempo 1 di Jenny Erpenbeck Zandonai

La polizia l'ha trovata di notte, in una strada piena di negozi, con un secchio in mano. Lei dice di avere quattordici anni, ma non ricorda come si chiama, dove vive o chi siano i suoi genitori. Nell'istituto a cui viene affidata, i compagni dapprima la ignorano, poi ne fanno oggetto di spietate attenzioni, spinti dalla sua muta acquiescenza ed estrema remissività, ma soprattutto dal suo ...