Il giardino dei ciliegi

“Perché io sono nata qui, qui sono vissuti mio padre e mia madre,
mio nonno, io amo questa casa, senza il giardino dei ciliegi, non
capisco più alcunché della mia vita e, se proprio è necessario venderlo,
allora vendete anche me insieme ad esso”.

Nel contesto che precede la Prima Rivoluzione russa del 1905,
quando l’aristocrazia si appresta alla fuga, cedendo il passo a
intraprendenti esponenti della borghesia, Liubov Ranievskaia,
dopo cinque anni di vita dissoluta all’estero, torna alla sua vecchia
casa, dove ritrova i luoghi e gli oggetti del suo passato. Tra questi,
il giardino dei ciliegi che, a dispetto della generale decadenza,
ogni anno fiorisce, colorando il paesaggio di soffi ci gemme bianche,
e nel quale la donna sente affondare le proprie radici.
Un passato che rischia di perdere a causa della disperata situazione
economica...
Attorno a lei ruotano altri personaggi: le figlie Ania e Varia, il fratello
Gaiev, il vizioso valletto Iascia, lo studente Trofimov e, soprattutto,
l’ex servitore arricchito Lopachin.
Che destino attende Ranievskaia e il suo bellissimo giardino, custode
di ricordi e segreti?

Anton Plavovic• C•echov (1860 - 1904) fu uno scrittore, drammaturgo
e medico russo. Tra le sue opere, Senza padre (1878), Ridi
se ti riesce (1878), Il duello (1891), Il gabbiano (1896) e Zio Vanja
(1899).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anton Cechov

L’isola di Sachalin

L’isola di Sachalin di

«Per quanto si riferisce a me, non provo appagamento alcuno per il mio lavoro, perché lo trovo meschino» scriveva Čechov all'amico Suvorin nel 1888. «Se è ancor troppo presto per lamentarmi, non lo è mai abbastanza per domandarmi: mi occupo di una cosa seria o di sciocchezze?». Il viaggio che, armato solo del passaporto e di una tessera di corrispondente di «Novoe vremja», intraprenderà due...

Kaštanka: racconto: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 7)

Kaštanka: racconto: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 7) di

Kaštanka(racconto)1.Cattiva condottaUna cagna giovane rossiccia – incrocio tra un bassotto e un bastardino – dal muso molto simile a una volpe, correva avanti e indietro sul marciapiede e guardava inquieta da una parte all’altra. Ogni tanto si fermava e, piangendo, sollevando ora una zampa gelata, ora l’altra, cercava di tirare le fila: come aveva fatto a perdersi?Si ricordava benissimo come av...

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4)

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4) di

PostfazioneHo pensato di tradurre Il giardino dei ciliegi quando mi sono accorto che gli alberi in questione non sono ciliegi, ma amareni. Il dramma ruota intorno all'impoverimento della famiglia dovuto proprio al fatto che le amarene non sono trasportabili (e quindi commerciabili) a meno di sottoporle prima a procedimenti di conservazione (marinatura). Sono proprio i procedimenti che non sono ...

Il monaco nero

Il monaco nero di

La leggenda narra di un monaco vestito di nero che venne visto camminare nel deserto e, nello stesso momento, sulle acque di un lago. E poi in Africa, in Spagna, in India. Si dice che ogni mille anni il monaco torni ad apparire. Il professor Kovrin, stimato psicologo, sa bene che i mille anni stanno per trascorrere e a breve il monaco tornerà. Quello che non si aspetta è che compaia proprio dav...

Casa con mezzanino (racconto di un pittore): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 5)

Casa con mezzanino (racconto di un pittore): versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 5) di

Fu sei-sette anni fa, vivevo in un distretto del governatorato di T., nella tenuta del possidente Belokùrov, un giovane che si alzava molto presto, portava la poddëvka, la sera beveva birra e continuava a lamentarsi con me di non riuscire a trovare comprensione da nessuna parte in nessuno. Lui viveva nella dépendance in giardino, e io nella vecchia casa padronale, nell'enorme sala con colonne, ...

Racconto della signora X: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 9)

Racconto della signora X: versione filologica a cura di Bruno Osimo (Opere di Cechov Vol. 9) di

Nove o dieci anni fa, durante la fienagione, accadde che una volta poco prima di sera, io e Pëtr Sergeič, che ricopriva la carica di giudice istruttore, andammo a cavallo alla stazione per la posta.Il tempo era meraviglioso, ma sulla via del ritorno si sentirono rombi di tuono e vedemmo una nuvola nera alquanto stizzita puntare dritto verso di noi. La nuvola si avvicinava a noi e noi a lei.Sul ...