Lord Jim (Fiction Vol. 88)

Considerato tra i 100 migliori libri del ventesimo secolo, scritto dopo “Cuore di tenebra”, “Lord Jim” è la storia dei perenni e ossessivi sforzi di un uomo per redimersi da un atto di viltà e codardia istintiva.

Il giovane Jim, primo ufficiale del “Patna”, una vecchia e malridotta nave a vapore, sogna di diventare un eroe. Quando l’imbarcazione minaccia di affondare e il comandante e i due macchinisti decidono di salvarsi la pelle per fuggire nelle poche scialuppe di salvataggio, Jim li disprezza, ma all’ultimo istante, stordito dall’orrore e dalla confusione, si unisce a loro, abbandonando al loro tragico destino gli ottocento pellegrini musulmani che si trovano a bordo, diretti a La Mecca.

Il “Patna” però non affonda, viene rimorchiato da una cannoniera francese nel porto di Aden. Il comandante e gli altri accusati si dileguano, ma Jim è l’unico che accetta di affrontare il processo: gli viene così revocato il brevetto di ufficiale. Pieno di vergogna e di rimorso per la vile diserzione, Jim non trova pace: passa da un lavoro all’altro, fugge ramingo verso nuovi lidi dell’Estremo Oriente non appena la sua nomea viene rivelata. Infine, trova rifugio tra gli indigeni di Patusan, una postazione commerciale remota nella giungla, dove pian piano riesce a conquistarsi il rispetto e l’affetto delle persone per le quali diventa “Tuan”, o Lord Jim. Proprio quando ormai è riusciuto a fare i conti con il passato, a smettere di sacrificarsi sull’altare della coscienza, un tragico, inaspettato epilogo lo conduce verso il volontario sacrifico di se stesso.

Il romanzo, nato originariamente come un racconto breve, divenne in seguito molto più lungo nelle pubblicazioni periodiche sul “Blackwood Edinburgh Magazine”, che poi lo pubblicò in un unico volume nell’ottobre del 1900. Attingendo al suo passato di emigrato, così come alla sua esperienza di marinaio, Conrad esplora nella storia del sensibile Jim i dilemmi della coscienza, l’isolamento morale, i temi della lealtà e del tradimento, la romantica ricerca di un ideale onorevole che viene messa alla prova fino all’estremo limite, per sperimentare radicalmente la presentazione della fragilità e del dubbio umani nel mondo moderno.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Joseph Conrad

Lord Jim

Lord Jim di

Eroe solitario, segnato dalla sventura e dal rimorso, estraniato dalla famiglia e dalla patria, Jim è in fuga. Ha paura del suo passato, smarrito, in balia dei ciechi colpi del caso. E abbandona tutto e tutti, si sposta a Oriente, sempre più lontano, perseguitato dalle sue Erinni. Come in altri suoi romanzi, in "Lord Jim" - scritto nel 1900, perfetto esempio di racconto nel racconto - Conrad so...

Vittoria: Racconto delle isole

Vittoria: Racconto delle isole di

La tumultuosa passione di un nobile, ritiratosi su di un'isola sperduta dell'Oceano Indiano, per una giovane derelitta vittima delle angherie di un violento. Un'opera della piena maturità dello scrittore inglese in una nuova traduzione.

Racconti di mare e di costa (Einaudi tascabili. Classici Vol. 872)

Racconti di mare e di costa (Einaudi tascabili. Classici Vol. 872) di

«Il Mare del Sud è veramente per Conrad il luogo dell'anima - non l'altomare di Melville, titanico e insieme biblico, non quello di Stevenson, stazione climatica ricca di nobili leggende e interessanti istituzioni, ma il perenne inquieto viavai della costa, "del mare e della costa", l'esitazione che può fare di ogni approdo, di ogni saputo, banale, previsto approdo, l'inizio di una stupenda e a...

L'agente segreto

L'agente segreto di

Nel 1894 l'osservatorio di Greenwich fu bersaglio di un fallito attentato anarchico. Da quell'episodio di cronaca Conrad trasse lo spunto per questo romanzo, pubblicato nel 1907, quasi un antesignano di tutte le spy stories del Novecento. Sembra un uomo tranquillo, il signor Verloc, che da anni gestisce un negozio nella capitale britannica. Ma in realtà è l'agente segreto di un non meglio pre...

Nostromo: Racconto della costa

Nostromo: Racconto della costa di

Narrata in una lingua di sensuale intensità cromatica, la vicenda di Nostromo ha come sfondo l'immaginaria repubblica del Costaguana, paese ora concreto, sanguigno, ora remoto, sospeso in un'inquieta irrealtà di sogno, nella cui inafferrabile solitudine di mare e di isole si riflettono l'irrealtà e la solitudine umana. Romanzo d'avventura e di intreccio, di intrighi e di colpi di scena, Nostro...

Un anarchico

Un anarchico di

A novantanni dalla morte di Joseph Conrad tre racconti introvabili, capaci, per stile e atmosfere, di anticipare i futuri capolavori.Basta un soprannome, a volte, così come basta un viaggio su una barca sbagliata ma tutto è sempre materia di racconto, quell’oralità confidenziale che accosta, per un istante, chi sale e chi scende da una nave che solca l’Oceano.Un anarchico, pubblicato sull’ «Har...