In viaggio con il chierico. Letture a sobbalzi tra rotoli del Salterio, dogmi e vangeli

Compra su Amazon

In viaggio con il chierico. Letture a sobbalzi tra rotoli del Salterio, dogmi e vangeli
Autore
Stefano Iavazzo
Editore
Youcanprint
Pubblicazione
01/02/2019
Valutazione
(1)
Categorie
L'origine della religione cristiana tra il mito e la storia. Il passaggio dall'ebraismo del Salterio alla Parola dei Vangeli, infatti, viene osservato in un elaborato processo evolutivo, dettato da mutate condizioni storiche ed economiche, susseguenti alla distruzione del Tempio di Gerusalemme, da parte dei Romani, e alla massiccia diaspora che ne è derivata, determinando un’enorme delusione per la mancata instaurazione del Regno di Dio in terra, con l’attesa del Messia, accompagnata da un’angosciosa ricerca, da parte dei fuoriusciti, Eletti di Dio, di una nuova identità, sia religiosa che politica.
In un naturale cambio generazionale, la esuberanza dei giovani contro l’inalterabilità dei vecchi, alla Religione dei padri sembra succedere quella dei figli che, come da canoni rivoluzionari, respingono il superato rigore dei riti e dei precetti del Tempio, rendendosi disponibili, per di più, a osare qualsiasi trasgressione, fino ad accettare la “contaminazione” con altri modelli religiosi, che culminano nella figura di un Soter, Salvatore, figlio di Dio, che viene offerto come capro espiatorio, unico e per sempre.
Questa nuova cultualità, mettendo fine a tutti i sacrifici di animali, sposta la centralità del culto divino dal Tempio ad ogni singolo individuo, che vive una nuova esperienza religiosa nel semplice ricordo di quel sommo sacrificio, che può praticare in ogni momento e in ogni angolo della terra, nel modo di adattare la sua quotidianità ad altre cadenze di stagioni, in mezzo a tanta diversità di genti, interpretando le sue relazioni sociali, sia da uomo libero che da schiavo, tutte finalizzate alla sua salvezza eterna,

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Credere più a ragioneStefano Iavazzo

I chierici, quindi, sono rappresentanti ieratici di una religione, della cui visione devono conservare la storia, nel mondo, per perpetuare la memoria, tramite i riti e le pratiche cultuali, necessaria a mostrare la loro fede, nel convincimento di altri a quella che loro ritengono la sola verità, avvolta quasi sempre nel mistero. Per la qual cosa si ritengono detentori di impenetrabili segreti, vivendo, nella loro società, un ruolo di privilegio, differenziato nel loro ordine gerarchico,in base ad un presunto grado di conoscenza e di santità. Per questa ambizione di raggiungere il grado più elevato, il sistema si consolida sull’obbedienza cieca, supportata da dogmi e castighi divini, inibendo qualsiasi desiderio, lontano dai precetti, concepito anche solo con la mente. Secondo il diritto canonico, perciò, il chierico è incaricato di portare la parola di Dio, colui che ha il compito di amministrare i sacramenti, sacerdote, in senso proprio, contrapposto a laico. Per di più vien inteso persona avviata al sacerdozio e che già indossa l'abito talare, la stessa che, prima dell'attuale riforma, era obbligato al rito della tonsura, oggi soppresso. Prima della riforma del Concilio Vaticano II, difatti, era chierico anche l'uomo che, pur non avendo ancora ricevuto gli Ordini maggiori (suddiaconato, diaconato, presbiterato ed episcopato), era già considerato come facente parte del clero, in quanto aveva ricevuto uno o più ordini minori, godendo della rendita di un beneficio ecclesiastico, per la qual cosa veniva giudicato, in caso di reati, da uno specifico tribunale ecclesiastico in base al privilegium fori. Proprio a significare questa distinzione rispetto al resto del popolo, gli veniva rasata la parte superiore della testa, tramite il rito della tonsura, per la qual cosa anche la parte rasata del capo, soprattutto, in alcune regioni d'Italia, veniva chiamata "chierica".

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Stefano Iavazzo

Il Totem di Cristallo

Il Totem di Cristallo di

In uno scenario sempre più prossimo e futuro, potrebbe risultare sempre più netta la divisione tra i ricchi ed i poveri, per la qual cosa il sospetto alimenterà le insicurezze e le paure di coloro che possiedono i privilegi di godere ed il malcontento di quelli che lottano per la sola sopravvivenza. Quella divisione, eretta a barriera per la distinzione, risulterà, perciò, innaturale e contrari...

La scialuppa degli empi

La scialuppa degli empi di

Racconto surreale con risvolti onirici. Il confronto duro e drammatico tra il severo Arché e gli ospiti della colonia penale, che cercano di evitare di scontare la pena alle regole del rigido custode.

Ci siamo fatti tanto male: A tratti la nostra storia... tra difficoltà economiche e più di mille patti rotti

Ci siamo fatti tanto male: A tratti la nostra storia... tra difficoltà economiche e più di mille patti rotti di

Da qui la storia degli uomini, il racconto della loro organizzazione di convivenza nel tempo, per il sostentamento e per il miglioramento delle loro condizioni di vita, attraverso il corpo delle leggi che nello Stato vede la massima espressione, a tutela di tutte le parti che concorrono alla sua formazione, in uno spirito di partecipazione democratica, dove le minoranze, come i più deboli, non ...

Il Regolo Continuo

Il Regolo Continuo di

PRESENTAZIONE a Il Regolo Continuo (Intuito ed ingegno per la messa in opera di un impegno). L’assillo dato da un lavoro sterile, che impegna nel cercare un più largo consenso di genti al solo scopo di contribuire, prima che alla sua, alla fortuna di quelli che nel palazzo abitano stabilmente, lo porta “a rimettere ogni mandato”, e dare così le dimissioni da qualsiasi incarico che gli fo...