Una per i Murphy

Carley Connors è una ragazzina fortunata. Almeno a sentire quel che dice la sua assistente sociale, la signora MacAvoy. Ma sarà vero? Carley viene da Las Vegas, un posto dove piangere è da idioti. Non piange nemmeno quando si ritrova piena di lividi nella stanza di un ospedale del Connecticut, con sua madre in corna, ma non riesce a evitare l'affido temporaneo presso una famiglia sconosciuta. I Murphy sembrano usciti da uno spot pubblicitario: ordinati, carini, perfetti. Così perfetti da sembrare finti. Carley sa che non potrà mai far parte di quel mondo, lei che i vestiti li va a "comprare" nei cassonetti dell'Esercito della Salvezza e che mangia pastina in brodo direttamente dalla lattina. Ma quella che all'inizio le sembra una prigione, poco alla volta si trasforma in una vera casa. Sarà per la gentilezza della signora Murphy, che non si arrabbia mai con lei e la fa sentire per la prima volta ascoltata, o per la simpatia dei piccoli Michael Eric e Adam. O per il fatto di fare cose normali, come andare a scuola e avere un'amica. In un posto che odora di bucato e profuma di torta alle mele e succo d'arancia a colazione, Carley impara a mangiare pollo in casseruola, a giocare ai supereroi e alle automobiline, a sapere che non sempre verrà accettata, ma può almeno provarci. E farà breccia anche nel cuore del duro Daniel, più simile a lei di quanto entrambi possano immaginare. Forse basta solo trovare il coraggio di togliere la maschera della paura per riuscire a diventare l'eroe di qualcuno. Età di lettura: da 9 anni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Let’s talk about: Una per i Murphy di Lynda Mullaly Hunt (Uovonero)Stamberga d'Inchiostro

L’autrice ha saputo mordere la carta con uno stile semplice che sa suscitare emozioni, la sua narrazione è diretta e schietta, capace di trasportare chiunque all’interno delle sue storie che sanno essere tanto toccanti quanto realistiche. Senza dubbio saper parlare di qualcosa di così complesso necessita di una grande quantità di lavoro e di una sensibilità non comune che le permette di calarsi non solo nei panni di chi subisce, ma anche in quelli di chi li aiuta a superare i momenti difficili. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.