Rifiuti d'autore

Avete mai partecipato a un concorso, di qualsiasi tipo? Quanta speranza avete riposto nel suo buon esito? E quando avete scoperto di non avere vinto niente, di aver fallito miseramente, come vi siete sentiti? Delusione, rabbia e frustrazione saranno sicuramente stati i sentimenti da voi provati, soprattutto se per poter partecipare al concorso avete investito fatica, tempo e denaro. Ma voi non demordete, insistete, continuate a sperare, anche ben sapendo che il concorso a cui avete o state partecipando è truccato, più truccato di Moira Orfei. La speranza, si sa, è l’ultima a morire; e poi, è gratis. Quella dei concorsi, che siano artistici, letterari, per entrare in ruolo o per partecipare a una graduatoria, è una malattia che alcuni individui, quasi con ispirazione masochista, si impegnano a non curare. Chi partecipa ai concorsi si illude sempre di aver dato il meglio di sé, non perde mai la speranza, sfida la sorte e le raccomandazioni, talvolta si autoconvince di essere stato il migliore e che l’ingiustizia l’abbia colpito senza pietà.
L’autore di questo libro, inguaribile ottimista, ha raccolto i suoi "insuccessi" che hanno partecipato a concorsi di vario genere negli ultimi quindici anni. Con l’esperienza e il materiale che si è ritrovato per le mani, egli ha creato questo libriccino pieno di ironia, sarcasmo, tragedia ed eros, a seconda del tipo di concorso. Non solo parole, ma anche dipinti e grafiche; mancano solo forse gli scontrini del gioco del Lotto, ma non sarebbe bastato lo spazio. E va bene che il Ponzi dà i numeri, da sempre (!), ma non bisogna esagerare.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli