In silenzio: novelle per un anno

Waterloo! Waterloo, santo Dio! Si pronunzia Waterloo!Sissignore, dopo Sant’Elena.Dopo? Ma che dice? Come c’entra Sant’Elena adesso?Ah, già! L’isola d’Elba.Ma no! Lasci l’isola d’Elba, caro Brei! Crede che un lezione di storia si possa improvvisare?E dunque segga! Cesarino Brei, pallido, timido, sedette; e il profe ssore seguitò a guardarlo per un pezzo, contrarito, se non proprio stizzito. Quel ragazzo, della cui diligenza e buona volontà nello studio s’era tanto lodato ne’due primi anni di liceo, ora cioè da quando aveva indossato l’uniforme di convittore del Collegio Nazionale, pure stando attento attentissimo alle lezioni da quel bravo alunno che era, eccolo là: neanche le vere ragioni per cui Napoleone Bonaparte era stato sconfitto a Waterloo sapeva più penetrare! Che gli era accaduto? Non se ne sapeva render conto nemmeno lo stesso Ces arino. Stava ore e ore a studiare, o per dir meglio, coi libri aperti sotto le grosse lenti da m iope; ma non poteva più fermare l’attenzione su di essi, sorpreso e frastornato da pensieri nuovi e confusi. E questo, non soltanto dacché era entrato in collegio, come i professori credevano, ma da qualch e tempo prima. Anzi Cesarino avrebbe potuto dire che a causa di questi pensieri appunto e di certe strane impressioni s’era lasciato indurre dalla madre a entrare in collegio. La madre (che lo chiamava Cesare e non Cesarino) senza guardarlo negli occhi gli aveva detto: Tu hai bisogno, Cesare, di cambiar vita; bisogno d’un po’ di compagnia di giovani della tua età, e d’un po’ d’ordine e di regola, non solo nello stu dio, ma anche nello svago. Ho pensato, se non ti dispiace, di farti passare quest’ultimo anno di liceo in collegio. Vuoi? S’era affrettato a rispondere di sì, senza pensarci su due volte; tanto turbamento la vista della madre gli cagionava da alcuni mesi. Figlio unico, non aveva conosciuto il padre, il qua le doveva esser morto giovanissimo, se la madre si poteva ancora dir giovane: trentasette anni. Lui già ne aveva diciotto: cioè proprio l’età che avev a la madre quando aveva sposato. I conti tornavano; ma, veramente, l’essere sua madre ancora giovane e l’aver sposato a diciotto anni, non voleva poi dire che, per conseguenza, il padre doveva esser morto giovanissimo, perché la madre poteva avere sposato uno maggiore d’età di lei, e fors’anche un vecchio, eh? Ma Cesarino aveva poca fantasia. Non s’immaginava né questa né tant’altre cose. In casa, del resto, non c’era alcun ritratto del ba bbo, né alcuna traccia ch’egli fosse mai esistito: la madre non gliene aveva mai parlato, né a lui era ma i venuta curiosità d’averne qualche notizia. Sapeva soltanto che si chiamava Cesare come lui, e ba sta. Lo sapeva perché negli attestati di scuola c’era scritto: Breri Cesarino del fu Cesare, nato a Milano , ecc. A Milano? Sì. Ma non sapeva nulla neanche della sua città natale, o, per dir meglio, sapeva che a Milano c’era il Duomo, e basta: il Duomo, la Galleria Vittorio Emanuele, il panettone, e basta. La madre, anch’essa milanese, era ve- nuta a stabilirsi a Roma subito dopo la morte del m arito e la nascita di lui.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

Uno nessuno e centomila

Uno nessuno e centomila di

Romanzo perfettamente attuale, ritenuto il capolavoro assoluto di Luigi Pirandello, insieme naturalmente al Fu Mattia Pascal, Uno nessuno e centomila coglie in pieno la visione pirandelliana della multiforme personalità dell' individuo e di come la società possa attribuirci delle maschere. In questo libro il premio Nobel Luigi Pirandello mostra l' essenza e la cifra di tutta una vita tesa allo ...

Il fu Mattia Pascal

Il fu Mattia Pascal di

Il fu Mattia Pascal (qui in versione originale) è un vero capolavoro della letteratura mondiale, frutto del genio di Luigi Pirandello. L' autore siciliano premio Nobel gioca in questo libro con l' identità del protagonista inducendo anche il lettore ad una vera e propria personificazione che coinvolge e appassiona fino all' ultima pagina grazie alla sapiente narrazione di cui Pirandello è maest...

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici)

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici) di

Introduzione di Sergio Campailla. Premesse di Fulvio Abbate e Italo Borzi. Edizioni integrali. Con i due drammi qui presentati, Pirandello porta a compimento la trilogia del “teatro nel teatro” iniziata con Sei personaggi in cerca d’autore. In Questa sera si recita a soggetto, che ebbe una prima a Könisberg nel gennaio del 1930 e una prima italiana a Torino nell’aprile dello stesso anno, un reg...

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana)

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana) di

Due atti unici teatrali di Luigi Pirandello: il meritatamente celebre «L’uomo dal fiore in bocca», e il quasi dialogo filosofico «All’uscita». Completano il volume una breve nota ai testi e una cronologia della vita e delle opere di Pirandello.

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana)

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana) di

Il “gioco” delle parti in questo dramma di Pirandello è quello a tre dei personaggi principali dell’opera, il filosofico Leone Gala (il marito), Silia (la moglie), e Guido (l’amante di lei). Quando Silia decide di spezzare l’equilibrio precario delle parti assegnate loro dalla vita creando ad arte un incidente che mette in moto una sfida a duello, Leone reagisce alla situazione richiamando, a s...

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana)

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana) di

L’opera teatrale "L’amica delle mogli" deriva da una novella scritta da Pirandello nel 1894; il racconto fornisce però alla commedia, scritta in un lampo nell’agosto del 1926, solo lo spunto di fondo iniziale: gli anni delle ambientazioni piccoloborghesi e del realismo “sociale” sono ormai lontani, e a partire dalla ricollocazione dei personaggi in un ambiente altolocato la vicenda assume delle...