Zanoni: Storia di un Rosacroce

Questo libro, di Edward Bulwer-Lytton, scritto nel 1842 tratta di esoterismo, ma è, al tempo stesso, un libro di avventura, e anche un romanzo storico, visto che si svolge nel 1791, tra l'Italia e la Francia, e che uno dei personaggi ritratti è Robespierre. Zanoni, il protagonista, è uno degli ultimi Rosa-Croce che si trova a fronteggiare il dilemma tra amore terreno e conoscenza dell’occulto. Ed è questo , un dilemma non da poco, che neanche l’amico Mejnour, altro Rosacroce, non riesce a sciogliere.

Ecco una sua frase: “Da cinquemila anni io scrutai i misteri del creato; ma non ancora giunsi a scoprire tutte le meraviglie del cuore di un semplice contadino!” Il finale del libro, non sfuggirà agli appassionati di Dickens, ispirò quest’ultimo nella scrittura delle "Due Città".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Edward Bulwer - Lytton

Gli ultimi giorni di Pompei (Classici)

Gli ultimi giorni di Pompei (Classici) di

Gli ultimi giorni di Pompei è un romanzo scritto da Edward Bulwer-Lytton nel 1834. Nel romanzo prendono vita i più variegati personaggi della Pompei dell’anno 79 d.C., città gaudente e spensierata, che trascorre la vita di tutti i giorni fra i bagni e l’anfiteatro, ignara della catastrofe incombente. La forza violenta e devastatrice del vulcano livellerà tutti i ceti sociali, nobili e plebei, r...

Gli ultimi giorni di Pompei (eNewton Narrativa)

Gli ultimi giorni di Pompei (eNewton Narrativa) di

Introduzione di Antonio VaroneEdizione integraleÈ il 79 d.C., e sullo sfondo di Pompei si staglia minaccioso il Vesuvio, che si prepara a seppellire la città con la sua forza devastante. Amore e odio, gelosia e passione, inganni e riti magici si consumano in uno dei più amati romanzi di sempre, tra splendori di case e banchetti, feroci combattimenti di gladiatori e i primi messaggi del credo cr...

La razza che verrà (Lo specchio opaco)

La razza che verrà (Lo specchio opaco) di

Un romanzo o un trattato politico? Certamente una piacevole dissertazione sui temi della convivenza civile, se non uno studio impegnato sui difetti di una democrazia immatura e puramente formale (quella americana), troppo "giovane” per l'esperienza di un Pari d'Inghilterra colto e smaliziato. Tuttavia, anche se imperfetta, una democrazia è da preferirsi a una società politicamente e razional...