Il tetro taciturno

“Sia pure nella titanica, caleidoscopica, proteiforme società galattica della Federazione Solare, nessun pianeta potrà mai eguagliare Tauride. D’accordo, il clima è forse un minimo troppo meta-equatoriale, ma quanto a relazioni interpersonali, beh, in quale altro luogo dell’universo conosciuto è non solo concesso ma addirittura imposto celare il proprio volto sempre, dovunque e comunque dietro una maschera? E nemmeno una sola maschera, in realtà, bensì molte maschere. Ognuna delle quali riflette uno specifico stato d’animo, un mutato atteggiamento, un agognato desiderio. Luogo mistificatorio, è quindi Tauride? Luogo manipolatorio e auto-assolutorio, soprattutto quando basta esibire la maschera sbagliata per finire fatti fuori con tanto di plauso governativo? È tutto questo che il saggio, pacato ambasciatore O’Reilly, da lungo tempo compenetrato da e nelle consuetudini di Tauride, si sforza di spiegare all’ingombrante, ingessato Ispettore Jensen, venuto a investigare la morte violenta di un dignitario. Ma in un luogo dove chiunque è simultaneamente uno, nessuno e centomila, forse ogni maschera è la maschera sbagliata.” (Alan D. Altieri). Numero di caratteri: 50.176

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo