I silenzi di Roma: La prima indagine dell'ispettore Proietti

Ernesto vive un rapporto ormai logoro con la moglie depressa, il suo taxi è teatro di storie che si intrecciano a un delitto nella Roma "bene". La vittima è uno scultore di fama internazionale, pochissimi avevano accesso all’appartamento dove viene ritrovato cadavere e nessuno ha un movente valido per torturarlo a morte.L’ispettore Paolo Proietti, a capo dell’indagine, intuisce che sta per sollevare un verminaio. La verità lo lascerà schifato, esausto e fragile come mai un poliziotto dovrebbe sentirsi. É un malessere che conosce fin troppo bene, lo rivive negli incubi che lo angosciano a quattordici anni di distanza da un caso in cui si è lasciato coinvolgere troppo. Ernesto e Paolo sono fratelli senza un filamento di DNA in comune, condividono tutto fin dal giorno in cui si sono incontrati sui banchi delle scuole superiori. Tutto, tranne un segreto che ciascuno nasconde all’altro: il poliziotto per non giocarsi il distintivo, il tassista perché è impossibile confessare al suo amico cosa lo torturi da giorni. Il silenzio viaggia nel mondo degli artisti malati, viziati e viziosi, e in quello dei ricordi che fanno male da morire, nella paura di non essere più abbastanza o di non averci provato a sufficienza, protegge i mostri e offende gli innocenti. Si spezzerà, poi, nella voce di una giustizia sommaria che non regala pace o reale assoluzione dai peccati, ma dignità a quanti sono costretti a macchiarsi le mani di sangue.

Luana Troncanetti è nata e vive a Roma. Ama spaziare dalla scrittura ironica al noir.

Pubblicazioni:
Dal 2010 a oggi ha partecipato a numerose raccolte per Giulio Perrone, contribuito all’antologia Hai voluto la carrozzina? per Fabbri Editori, scritto umorismo per Comix, Homo Scrivens e Cento Autori. Fra le sue opere su Amazon, figurano due raccolte di racconti brevi: Gabbie e Agrodolce (già pubblicato nel 2016 da L’Erudita - Giulio Perrone editore). E’ fra gli scrittori che hanno collaborato alla Staffetta Letteraria Bimed 2017/2018, un meraviglioso progetto di narrazione collettiva che coinvolge studenti di ogni ordine e grado in storie scritte a più mani. Aprile 2018 - OFF viene pubblicato nell’antologia Delitti al Thriller Cafè - I Buoni Cugini editori (introduzione di Romano De Marco - partecipazione di Piergiorgio Pulixi). Maggio 2018 - Partecipa all’antologia Attesa frammenti di pensiero - Homo Scrivens (a cura di Brunella Caputo) con il racconto breve Bella a metà.

Riconoscimenti letterari:
Silenzio, romanzo auto pubblicato tramite Amazon, nel 2017 vince il Premio Internazionale Amarganta. Nel 2018 ottiene una menzione d’onore al Premio Residenze Gregoriane e vince il Premio Garfagnana in giallo - sezione Nero digitale. Nel 2019 viene selezionato al Premio Alberoandronico. Finalista al Premio Corti e brevi (2016) e al Fabrizio Canciani (2015), ha vinto il Tifeo Web Narrativa on line (2009), il Premio Massimo Troisi - Sezione scrittura comica (2009) e il Donna sopra le Righe con Carmen (2016). Sempre nel 2016, Carmen riceve una menzione d'encomio al Premio Internazionale Michelangelo Buonarroti e arriva, nel 2017, fra i venticinque finalisti del Premio Zeno. Nel 2018 il racconto OFF - terzo al Fabrizio Canciani nel 2017 - vince il Concorso Thriller Cafè. Nel 2018 il racconto Il gatto che non è proprio mio riceve una menzione d’onore al Premio Letterario La Tridacna e risulta fra le migliori quattro opere (non vincitrici) al Premio Cavallari di Pizzoli. Nel 2018 Il racconto breve Adalet rientra fra le migliori 17 opere in gara al Concorso Caffè Letterario Moak e fra i 25 finalisti al Premio Zeno.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luana Troncanetti

101 modi per far incazzare una mamma (I Mostrilli Vol. 3)

101 modi per far incazzare una mamma (I Mostrilli Vol. 3) di

Esistono almeno 101 modi per far imbufalire una mamma. In un primo momento ne avevo elencati 122, ma poi ho trovato più opportuno decimarli, scegliendo quelli a mio avviso più significativi. Queste pagine si prefiggono come scopo primario quello di regalare un sorriso alle mamme, con l’utopica funzione secondaria di far riflettere quanti le fanno sistematicamente incazzare. La pretesa sarebbe...

Le mamme non mettono mai i tacchi: Antiguida al mestiere di mamma (I Mostrilli Vol. 2)

Le mamme non mettono mai i tacchi: Antiguida al mestiere di mamma (I Mostrilli Vol. 2) di

Pubblicato per la prima volta nel 2007 (quella del 2015 è la sua terza revisione) ha la particolarità di essere cresciuto assieme all’autrice e a suo figlio e di raccontare sia il “prima” che il “dopo”. Contiene le vicende tragicomiche di una mamma alle prese con un bambino ingestibile nei primissimi anni della sua vita con un epilogo (quasi) a lieto fine; il fenomeno è riassunto con una dotta...