Lezione di Carne (Lezioni Divine Vol. 1)

Compra su Amazon

Lezione di Carne (Lezioni Divine Vol. 1)
Autore
Malia Delrai
Pubblicazione
1 dicembre 2014
Categorie
“Preferivo la mia vita egoista e priva di emotività. Ero Dioniso, in fondo, e lo ero da tempo immemorabile. Perciò… vaffanculo. Non si poteva scegliere chi essere e non facevo eccezione. C’erano delle cose, c’erano sempre state, che nulla potevano contro i cambiamenti, nonostante il tempo. Tante cose, e io in particolare, incancellabili e immutabili nella loro essenza”.



Età contemporanea. Milano. Le antiche divinità greche si mescolano agli esseri umani, ormai abituate al loro stile di vita. Dioniso, il dio dell’ebbrezza e dell’irrazionalità, è circondato dal caos della grande città. Per vivere si prostituisce: il sesso a pagamento è la sua arte. Ha imparato a utilizzare l’unica arma che ha, la seduzione, in un’epoca dove la fisicità ha preso il sopravvento. Ne approfitta per placare la sua fame perversa e continua a vivere un’esistenza in solitudine. Mara, è una studentessa universitaria appassionata di antichità greca e perdutamente innamorata dell’immagine del dio Dioniso, così misterioso… occulto. Lo sogna, lo vive in segreto, immagina notti di passione. E lo ama. Un’ossessione mai rivelata, anormale, che la porta allo sfinimento. Lo scontro tra i due avviene per volere del destino e per desiderio dello stesso fato Mara sarà destinata a salvare un dio dalla natura primordiale e ribelle, che però vive in sé un profondo tormento. Perché senza amore anche il dio del sesso non può esistere.



Un romanzo intenso che vi farà scoprire la forza dell’amore, il suo significato più profondo, anche contro la natura stessa del proprio essere. Non si può sfuggire al potere del fato.



Per rimanere in contatto con l’autrice:

Facebook: www.facebook.com/maliaromance

Email: maliaromance@gmail.com

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Malia Delrai

Un Romanzo per Amarti

Un Romanzo per Amarti di

«Dimmi, cos’hai provato? Parla su». Si mosse elettrizzata. Provai a riordinare il caos dei miei pensieri. «E se lo volessi fare? Intendo… sedurlo» le domandai timorosa. «Sei proprio sicura di volerlo sapere?» rispose. «In effetti, no» concordai. Diana è una studentessa universitaria in cerca del suo scopo nella vita. Attraversa un momento difficile, uno di quelli impossibili...

Potrei morire di te (Piacere russo Vol. 1)

Potrei morire di te (Piacere russo Vol. 1) di

“L’avrebbe distrutta se avesse voluto farlo ed era pronta ad accettarlo, ma con quale ragione? «Puoi aver fatto cose atroci, me ne rendo conto» gli confessò «lo sapevo dal primo momento che ti ho visto» «E?» si interruppe lui con quella parola strozzata. «E ho deciso che la morale passava in secondo piano, perché al primo posto ci sei stato improvvisamente tu».” Quando...

Vorrei vivere di te (Piacere russo Vol. 2)

Vorrei vivere di te (Piacere russo Vol. 2) di

«Dimmi un po’» seguitò lui. «Visto che hai tanta voglia di chiacchierare con me. Il russo con cui stavi non riusciva a soddisfare le tue voglie, per caso?». Il tono era arrogante. Se Selene avesse avuto la pistola di lui tra le mani, gli avrebbe sparato per quella frase strafottente con cui le si era rivolto. Lo affrontò, occhi negli occhi, due irose iridi glaciali che la inchiodavano...

Tutto di te (Piacere Russo Vol. 3)

Tutto di te (Piacere Russo Vol. 3) di

«Sai che per te» le disse «farei qualsiasi cosa». «Allora dammi tutto di te, Roman, ogni singola parte di te» gli rispose. Il suo russo le insinuò una mano sotto la schiena. Scese a stringerle la natica, senza mai smettere di fissarla negli occhi, e la costrinse a sollevare il bacino verso di lui. L’amore è un sentimento bastardo che morde e fa male quando meno te lo aspetti....

Un Editor per Amarti

Un Editor per Amarti di

"Ci sono persone che, con la loro stessa esistenza, riescono a migliorare la vita altrui e a renderla speciale." "«Tu mi piaci» esalò lei in un fiato. «Io ti amo, è diverso» ribattei. «Ho perso la testa per te e non ho intenzione di rimetterla a posto». Le palpebre di Giulia si sgranarono e gli occhi, fino a quell’istante puntati su di me, le si inumidirono. Stavo esagerando....