Il piede sopra il cuore (Grande e piccola storia)

Compra su Amazon

Il piede sopra il cuore (Grande e piccola storia)
Autore
Mario Nejrotti
Editore
Edizioni Esordienti E-Book
Pubblicazione
25 novembre 2014
Categorie
Sicilia, 1943: mentre gli Alleati sbarcano in Sicilia, la mafia si prepara ad essere protagonista dei nuovi scenari politici del dopoguerra collaborando con gli americani e cercando di insediare i suoi uomini ai posti di potere, mentre cerca di trarre ancora tutti i guadagni possibili dalla borsa nera e dalle connivenze con il fascismo, che ormai sferra gli ultimi colpi di coda.
Le persone integre, quelle che rifiutano la collusione, vengono eliminate senza pietà: è il caso del professor Di Salvo, che muore in un attentato in cui è sterminata anche la sua famiglia. Per un caso fortuito, si salverà soltanto il piccolo Santino, che resta solo al mondo. Ma un personaggio molto singolare entrerà in gioco per prendersi cura di lui.
Questo romanzo, dove è protagonista la “piccola storia” quotidiana delle persone, che scorre a fianco della Grande Storia, conduce anche a una riflessione più intima e profonda sul significato della libertà, della responsabilità, della giustizia, della comprensione e, in definitiva, della difficoltà e della grandezza di essere uomini.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Mario Nejrotti

Fino all'ultima bugia: 12 (Giallo, Thriller & Noir)

Fino all'ultima bugia: 12 (Giallo, Thriller & Noir) di

Italia, Torino. Una banda di delinquenti, gestita da un potente e misterioso personaggio, sta preparando, in collaborazione con importanti famiglie calabresi, un sostanzioso traffico di cocaina. Ma anche quando un’operazione sembra semplice non bisogna mai sottovalutarne i rischi, soprattutto quando le distrazioni aumentano. Croazia, isola di Lissa. Dal traghetto in arrivo dall’Italia sbarcano...

Viva Garibaldi! (Grande e piccola storia)

Viva Garibaldi! (Grande e piccola storia) di

La rivisitazione, molto particolare, di una pagina non proprio edificante del nostro Risorgimento, nota come "strage di Bronte" (agosto 1860).