I fiori non dimenticano

Compra su Amazon

I fiori non dimenticano
Autore
David Whitehouse
Editore
SPERLING & KUPFER
Pubblicazione
02/04/2019
Valutazione
(1)
Categorie

L'ossessione di un cercatore di fiori rari.

Il mistero di un aereo scomparso.

L'identità enigmatica di un giovane uomo che vive i ricordi di un altro.

Dove ha trent'anni, ma non ha un passato: non sa niente della propria infanzia, dei genitori che non ha mai conosciuto, e neanche dello strano nome che gli hanno donato. Dal centralino del reparto emergenze di Londra, si occupa di risolvere i problemi che sconvolgono le vite altrui; mentre lui trascorre una vita solitaria. Tuttavia, la sua stessa esistenza viene stravolta all'improvviso quando la scatola nera del volo PS570 Giacarta-Londra, scomparso nel nulla nel 1984, viene ritrovata per caso nell'Oceano Indiano. Da quel momento, Dove inizia a rivivere nella sua mente ricordi che in realtà non gli appartengono.

Quei ricordi, infatti, sono di Peter Manyweathers, un addetto alle pulizie di New York che, nel 1984, dopo aver ritrovato una strana lettera d'amore all'interno di un volume di botanica alla Brooklyn Library, era diventato un instancabile cacciatore di fiori rari. Una passione che aveva condotto Peter in una ricerca ai quattro angoli del mondo.

Attraverso i ricordi di Peter, anche Dove percorrerà terre selvagge e meravigliose, rivivrà la grande solitudine di quello sconosciuto che abita la sua mente, ammirerà i fiori esotici e ne sarà conquistato. Forse, proprio nella ricerca dei fiori si cela la verità sul tragico destino del volo PS570. E forse, ripercorrendo i passi di Peter, Dove potrebbe svelare il mistero della propria identità.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Let’s talk about: I fiori non dimenticano di David WhitehouseStamberga d'Inchiostro

C’è tutto questo dove I fiori non dimenticano, un’infinità di ricordi che costruiscono una, dieci, cento vite, tutte connesse fra loro e che una volta finite è quasi come se permettessero a coloro che restano di aprire gli occhi, scoprire che c’è ancora un mondo intero da esplorare ma prima di farlo bisogna andare a fondo e sciogliere la matassa che incatena la nostra anima. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.