Kalila e Dimna: Fiabe indiane di Bibpai

•Le storie superbe di Wood possono essere paragonate alle fiabe italiane di Italo Calvino.• Non è necessario elogiare oltre. – Carlos Fuentes



•Oltrepassando confini linguistici e culturali, queste fiabe trascendono anche dagli archi temporali convenzionali. Abbondano di paradossi temporali.• – Roger-Pol Droit (Le Monde)



•Kalila e Dimna• o •La Panchatantra• (anche conosciuto in Europa dal 1483 come •Le Fiabe di Bidpai•) è una composizione di storie sugli animali e su diversi livelli, interconnesse l’una all’altra – a volte ci sono tre o quattro ‘strati’ di storie. Queste composizioni contribuiscono alla letteratura mondiale da più di 2000 anni, essendo migrate attraverso antiche culture in una moltitudine di forme, scritte e orali. Tutte le nostre favole sugli animali, da Aesop ai racconti buddhisti J?taka, da La Fontaine a Uncle Remus, devono molto a questo libro strano e mutaforme.



Più di mille anni prima di Machiavelli, le fiabe in sanscrito della •Panchatantra• hanno trattato l’inganno, gli imbrogli politicali, l’omicidio, i nemici, i re, i dervisci, le scimmie, i leoni, gli sciacalli, le tartarughe, le cornacchie, e il come noi tutti cooperiamo (o meno!), viviamo e moriamo insieme, o in pace o in conflitto l’uno con l’altro. Questo è un libro pieno di animali e uomini che si comportano oltraggiosamente e che fanno delle cose favolosamente terribili (e tuttavia gentili a volte) l’uno all’altro. Queste sono storie gioiose, tristi, divertenti e a volte brutali, essendo il loro scopo quello di insegnare ad entrambi il re ed il cittadino i modi e mezzi del mondo, quelle realtà dure che spesso si nascondono sotto la superficie della nostra soggettività quotidiana e comoda.



La composizione originale arabica, •Kalila e Dimna• (•La Panchatantra• in sanscrito ne è il precursore) apparentemente costituisce un manuale per sovrani, un cosidetto ‘Specchio per Principi,’ che illustra indirettamente, attraverso una marea di storie e versi didattici, il come (e il come non!) comandare il regno della Sua vita. Con una padronanza astutamente profonda della natura umana al suo meglio (e anche alla peggio!), queste fiabe sugli animali, che di solito evitano la critica moralistica umana, offrono un saggio e pratico consiglio a tutti noi.



Basato sulla suo confronto di traduzioni erudite di testi chiave in Sanscrito, Arabo e Persiano, così come la versione del 1570 di Sir Thomas North, questo è in assoluto il primo racconto moderno in Oriente e Occidente da oltre 400 anni. Nella versione di Ramsay Wood, i significati profondi alla base di queste fiabe brillano, proprio come egli sa cogliere un mondo classico, rendendolo nuovo, rilevante, affascinante e incredibilemente piacevole da leggere.

- - - -

Wood’s superb stories should be set alongside Italo Calvino’s retelling of the folk tales of Italy. No higher praise is necessary. – Carlos Fuentes



Crossing linguistic and cultural frontiers, these fables also transcend conventional time-frames. They abound with temporal paradoxes. – Roger-Pol Droit (Le Monde)



•Kalila and Dimna• or •The Panchatantra• (also known in Europe since 1483 as •The Fables of Bidpai•) is a multi-layered, inter-connected and variable arrangement of animal stories, with one story leading into another, sometimes three or four deep. These arrangements have contributed to world literature for over 2000 years, migrating across ancient cultures in a multitude of written and oral formats. All our beast fables from Aesop and the Buddhist •Jataka Tales• through La Fontaine to Uncle Remus owe this strange, shape-shifting 'book' a huge debt.



Over a 1000 years before Machiavelli, the Sanskrit folk tales of •The Panchatantra• covered deceit, political skullduggery, murder, enemies, kings, dervishes, monkeys, lions, jackals, turtles, crows and how we all cooperate (or not!), live and die together in peace or conflict.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli