L'ultima croda

Damiano aveva giurato: quell’ultima vetta ancora, e poi avrebbe dato l’addio all’alpinismo. Ma proprio sull’agognata Cima Dodici un avvenimento inaspettato mette sottosopra la sua vita.
Sullo sfondo, due grandi storie d’amore: quelle tra lo scalatore e Cecilia e fra gli studenti universitari Marco e Milena, che finiranno imprevedibilmente con l’intrecciarsi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

CLAUDIO LORETO

Commento tratto dal Blog Letterario "Leggere un Libro: titoli consigliati, recensioni e idee - by le econome" (28/07/2019).CLAUDIO LORETO

Appena finito di leggere "L'ultima croda", di Claudio Loreto. Breve, carino, scritto bene. Mi è piaciuto! Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

CLAUDIO LORETO

Commento tratto dal Blog Letterario "‎Ogni libro è un viaggio" (15/06/2019).CLAUDIO LORETO

La scalata di una vetta inaccessibile ai più culmina nell’incontro fortuito - o destinato?! - che completa una vita intera, quasi un cerchio che si chiude. Vincente l’idea di raccontare la Bologna turbolenta di fine anni Settanta attraverso gli sguardi di due ragazzi capaci di farti vivere gli avvenimenti dal di dentro. Intensa la lettura dei fatti del G8 visti da chi sta dalla parte della legge ma sa guardare anche ‘il male dentro’ la legge stessa. Ho apprezzato questo romanzo, arrivato fra le mie mani grazie a questo gruppo; è stata una bella occasione per fermarmi a riflettere su quel mondo di arrampicate intense, sfinenti, ma di ineguagliabile emozione, attraverso le parole del mio nuovo e gradito amico Claudio Loreto a cui dico grazie e auguro un bel successo. “Tastare continuamente la roccia durante la scalata di una montagna procurava sempre a Damiano una strana sensazione: gli sembrava d’essere un bimbetto indaffarato a gattonare sul corpo di una madre ciclopica. Una genitrice però fredda, distaccata, totalmente indifferente a quell’esserino, qualunque cosa potesse accadergli, e tuttavia non per questo crudele: ella, molto semplicemente, rendeva chiaro quanto l’uomo fosse effimero, anzi...niente!”. Da: ‘L’ultima croda’ Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

CLAUDIO LORETO

Commento tratto dal Blog Letterario "‎Noi che i libri ce li mangiamo" (07/07/2019).CLAUDIO LORETO

Finito di leggere proprio adesso e, conoscete la sensazione che lascia un bel libro? Quella in cui si dice : noooo e adesso?? È già finito? Ecco, leggete questo meraviglioso romanzo e mi direte!! Bellissimo!!! Claudio Loreto complimenti!!!! Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

CLAUDIO LORETO

Commento tratto dal Blog Letterario "‎Noi che i libri ce li mangiamo" (13/08/2019).CLAUDIO LORETO

Qualcuno aveva consigliato questo libro. Ho accettato il consiglio e l'ho letto con molto piacere. Lo consiglio a mia volta. Un romanzo appassionante: sullo sfondo di 25 anni di storia italiana e non solo (dove i fatti storici vengono narrati con competenza e senza annoiare) si snoda il percorso sentimentale e umano del protagonista. Un romanzo breve (140 pagine circa) che si legge con piacere. Da consigliare assolutamente. Ringrazio anche l'autore, che ho avuto modo di contattare su FB e che si è dimostrato gentilissimo e molto disponibile. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di CLAUDIO LORETO

Liquirizia

Liquirizia di

“Una ferita da baionetta catapulta Giuliano (giovane sottotenente della 8ª Armata Italiana in Russia) tra le rovine di Stalingrado, dove tra tedeschi e sovietici si combatte una delle più grandi battaglie della storia umana. Uno sparo impreciso incrocia le vite dell'ufficiale e di una tiratrice scelta russa, Tanja: l’irreale incontro di un momento li segnerà per sempre, portando alla luce un’a...

I segreti di Sharin Kot

I segreti di Sharin Kot di

“Primavera 2010 - Una missione solitaria sprofonda una pattuglia motorizzata di alpini negli orrori della guerra afghana e ridesta nel capitano Emiliano Zanin il tormento di un amore tradito. Nello sperduto villaggio di Sharin Kot l’ufficiale si imbatterà infine in una terribile scoperta, che rappresenterà tuttavia per lui la premessa per tornare a sorridere alla vita...”. Una storia di guerra...

Gli occhi sulla scia. Racconti di remi, piccozze e amori

Gli occhi sulla scia. Racconti di remi, piccozze e amori di

La prospettiva della morte, colpo di spugna a tutto quanto vissuto, induce i vari protagonisti del libro a una angosciosa ricerca del senso della propria esistenza; al di là della risposta che ciascuno si darà, tutti alla fine desidereranno vivere - e amare - pienamente. Il canottaggio (con le sue grandi fatiche) e l'alpinismo (con i suoi innumerevoli pericoli) costituiscono la cornice entro l...