La bambina che amava Tom Gordon

Compra su Amazon

La bambina che amava Tom Gordon
Autore
Stephen King
Editore
SPERLING & KUPFER
Pubblicazione
5 agosto 2014
Valutazione
(1)
Categorie
La piccola Trisha, nove anni, ha commesso un'imprudenza: stanca di litigi famigliari perfino in gita sui monti Appalachi, ha imboccato un sentiero diverso, finendo per smarrirsi nella foresta. All'inizio l'aiutano l'istinto di conservazione e la provvidenziale saggezza dell'infanzia, ma soprattutto l'ascolto, nel suo walkman, delle partite dei Red Sox, la squadra di baseball dove gioca il mitico Tom Gordon, il suo eroe preferito. Poi, però, la sua fiducia comincia a calare: "qualcosa" la insegue e la spia tra gli alberi...

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

La bambina che amava Tom Gordon di Stephen King | Recensione di DeborahStamberga d'Inchiostro

Allora, lo stile di King è inconfondibile, sarò anche un pò di parte ma il suo nome è quasi sempre una garanzia, dico quasi sempre perché nonostante io sia “dipendente” dai suoi libri è anche vero che un paio delle sue ultime pubblicazioni mi hanno delusa tanto da non farmi fiondare subito in libreria per acquistare le nuove. Ho notato però che i vecchi titoli non mi deludono mai, o almeno non lo hanno fatto fino ad oggi, quasi sono contenta che qualcosa di questo scrittore non mi sia piaciuto così che io possa parlare di lui con più obbiettività. Ma bando alla ciance ed entriamo nel vivo del romanzo! Devo confessarvi che inizialmente lo ho trovato un pò strano, ed in effetti è un romanzo molto particolare. Se per caso siete intimoriti dal genere questo libro non è molto horror, anzi non ho trovato parti spaventose ma ho notato che esso è più improntato sull’ansia e angoscia, tanto che è stato consigliato anche a mia sorella dai suoi professori delle medie come lettura estiva. Sicuramente è un storia emozionante, avvincente e davvero molto angosciante. Quello che mette davvero in soggezione è l’ambientazione; King descrive i paesaggi, il bosco in particolare, come se fosse un’entità viva capace di agire con una propria forza di volontà. Come sempre con questo scrittore tutto è descritto minuziosamente senza risultare noioso o pesante, la nostra immaginazione è aiutata e supportata senza però essere imbrigliata. Ho trovato quasi difficile immaginare un luogo così selvaggio e primordiale, immaginandolo comunque vicino ai grandi centri abitati americani. Personalmente associo il bosco ad una figura naturale tranquilla e pacifica, se dovessi pensare a qualcosa di oscuro e selvatico correrei subito alla foresta; sono rimasta molto colpita come un luogo sereno dove recarci per una passeggiata possa diventare uno scenario così tetro. La protagonista, la piccola Trisha, è una bambina stoica, forte sia nel corpo e sia nell’anima perché bisogna avere una grande forza d’animo e determinazione per impegnarsi a sopravvivere a nove anni nella natura selvaggia e impervia. Mi è sembrato di essere anche io intrappolata in quel maledetto bosco senza riuscire a ritrovare il sentiero, senza che glia aiuti mi trovino, costretta a mangiare bacche e a razionare i pochi viveri nello zaino senza sapere se avrei rivisto o meno il sorgere del sole. Esso mostra come in solitudine ed immersi in un mondo selvaggio le nostre paure primordiali prendano forma e si impossessino di noi, sono rimasta davvero colpita da come Trisha affronta tutte le difficoltà incontrate sul proprio cammino, non credo che ogni persona adulta sarebbe riuscita ad arrivare dove invece lei è giunta. Nel libro ci sono molti riferimenti al baseball (se non sbaglio) perché la protagonista è una super tifosa dei Red Sox ed in particolare del loro miglior giocatore Tom Gordon, tanto che si aggrapperà con tutte le sue forze ai pochi momenti che si concede di ascoltare la radio con il suo walkman per cercare di restare lucida. Non immaginate però che il finale del libro sia scontato, esso vi terrà sospesi fino alla fine nel limbo del dubbio, e questo è sicuramente un altro punto a favore del romanzo, proprio come del risultato di una partita non possiamo essere sicuri fino a che essa non sia finita. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Stephen King

L'ombra dello scorpione (The stand)

L'ombra dello scorpione (The stand) di

L'errore di un computer, l'incoscienza di pochi uomini e si scatena la fine del mondo. Il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. Il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all'apocalittica epidemia e per i pochi scampati c'è una guerra ancora tutta da combattere, una lotta eterna e fatale tra chi ha deciso di seguire il Bene e appoggiarsi...

Christine - La macchina infernale

Christine - La macchina infernale di

Tre adolescenti vivono la loro adolescenza in una tranquilla cittadina di provincia. Le novità sono poche, finchè non compare Christine, un'auto - una Plymonth del 1958 - che Arnie, uno dei ragazzi, vuole ad ogni costo rimettere a nuovo. Un'impresa disperata, che per lui si trasforma in un'ossessione, mentre la macchina inizia a manifestare un'inquietante vita propria. E nelle buie strade del...

Il bazar dei brutti sogni

Il bazar dei brutti sogni di

L'ironia, la ferocia, la malinconia, l'amore. E la paura, certo. Le storie raccolte qui - venti più una inedita, Il vaso dei biscotti , in esclusiva per questa edizione - toccano tutta la gamma delle emozioni, come ci illustra Loredana Lipperini, curatrice del libro: «Vi spaventerete per un bambino cattivo che uccide e per piccoli demoni che si nutrono del dolore. Imparerete a temere anziani...

Chi perde paga

Chi perde paga di

SVEGLIATI GENIO! Il genio è John Rothstein, scrittore osannato dalla critica e amato dal pubblico - reso immortale dal suo personaggio feticcio Jimmy Gold - che però non pubblica più da vent'anni. L'uomo che lo apostrofa è Morris Bellamy, il suo fan più accanito, piombato a casa sua nel cuore della notte, furibondo non solo perché Rothstein ha smesso di scrivere, ma perché ha fatto finire...

Fine turno

Fine turno di

In un gelido lunedì di gennaio, Bill Hodges si è alzato presto per andare dal medico. Il dolore lo assilla da un po' e ha deciso di sapere da dove viene. Ma evidentemente non è ancora arrivato il momento: mentre aspetta pazientemente il suo turno, infatti, Bill riceve la telefonata di un vecchio collega che chiede il suo aiuto, e quello della socia Holly Gibney. Ha pensato a loro perché...