RISCONTRI. Rivista di cultura e di attualità: n. 3 (settembre-dicembre 2019)

Fondata nel 1979 da Mario Gabriele Giordano, “Riscontri”, la Rivista che Mario Pomilio ebbe a definire “bella e severa”, ha sempre conservato la sua fondamentale connotazione così originariamente definita nell’Editoriale programmatico: «la fede in una cultura che non sia strumento in rapporto a fini prestabiliti, ma coscienza critica della realtà; non filiazione di precostituite ideologie, ma matrice di fatti e di comportamenti anche etici e politici: che insomma proceda e operi nel vivo della comunità civile non per dogmi ma per riscontri».

In questo numero:

  • Il “proto-romanzo” nel Cinquecento
  • La Divina Commedia secondo Go Nagai
  • Foucault: uno strutturalista romantico?
  • I poeti vati nella cultura indoeuropea
  • Il Cinquecento e la nascita dell’editoria: la figura di Aldo Manuzio
  • L’utilizzo politico della genealogia di Enea
  • Le cinquecentine della biblioteca della Verna

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Riscontri

RISCONTRI RIVISTA DI CULTURA E DI ATTUALITÀ: N. 1 (GENNAIO-APRILE 2019)

RISCONTRI RIVISTA DI CULTURA E DI ATTUALITÀ: N. 1 (GENNAIO-APRILE 2019) di Riscontri Il Terebinto Edizioni

Sommario: ETTORE BARRA, "Potere della neolingua e neolingua del potere"; ROBERTA ROSSELLI, "L’Epitome de Caesaribus. Analisi dell’opera nel contesto della storiografia tardoantica"; PIERVITTORIO FORMICHETTI, "Metamorfosi dannunziane. Le “reincarnazioni” della Pioggia nel pineto"; FEDERICA MONTELEONE, "La dimensione storica dell’alterità tra sollecitudine pastorale ed esperienza giuridica ...

RISCONTRI. RIVISTA DI CULTURA E DI ATTUALITÀ: N. 1 (Gennaio-Aprile 2018)

RISCONTRI. RIVISTA DI CULTURA E DI ATTUALITÀ: N. 1 (Gennaio-Aprile 2018) di Riscontri Il Terebinto Edizioni

Fondata nel 1979 da Mario Gabriele Giordano, “Riscontri”, la Rivista che Mario Pomilio ebbe a definire “bella e severa”, ha sempre conservato la sua fondamentale connotazione così originariamente definita nell’Editoriale programmatico: «la fede in una cultura che non sia strumento in rapporto a fini prestabiliti, ma coscienza critica della realtà; non filiazione di precostituite ideologie, ma ...