La Gran Bevuta

Compra su Amazon

La Gran Bevuta
Autore
René Daumal
Pubblicazione
08/07/2021
Valutazione
1
Categorie
La stesura della «Gran Bevuta», più volte interrotta e ripresa, occupò Daumal fra il 1932 e il 1938. In principio Daumal si proponeva di mettere satiricamente in scena le esperienze con il gruppo del «Grand Jeu», ma in seguito lo scopo del libro andò modificandosi per diventare l’itinerario della sua ricerca dell’essenziale.
Ispirato alla metafora rabelaisiana del bere, il racconto offre un aiuto per evitare i rischi di un falso pensare, quello che si paga con la perdita di tempo o con l’autoinganno. Sapersi ubriachi, sia pure di discorsi e di gesti inutili, e volerlo essere ancora di più è infatti il primo passo verso il raggiungimento di quella «sobria ebrietas» che porta alla lucidità e permette di intravedere il proprio cammino. La narrazione, dove «ogni frase ha un senso pieno», procede con humor implacabile e in modo che il lettore abbia l’impressione «di non sapere su quale piede danzare». Nel risolvere l’imbarazzo, le ultime pagine indicano quella che può essere la porta per uscire dal circolo vizioso dell’esistenza e cogliere un’«ordinaria luce del giorno».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Il Consigliere Letterario

La lingua imprigionataIl Consigliere Letterario

Nell’ininterrotto discorrere che scandisce il fluire del romanzo, il protagonista, e i lettori con lui, compiono un intero giro del mondo senza muovere un passo; in ogni istante sembra che il linguaggio conduca verso mete straordinarie ma subito dopo, a concione conclusa, quel che rimane non è che illusione, o forse la mancata realizzazione di un bisogno, di una necessità: dare al pensiero la voce che gli compete. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di René Daumal

Lanciato dal pensiero

Lanciato dal pensiero di René Daumal Adelphi

Il dialogo con l’India che soggiace a tutti gli scritti di René Daumal nasce quando a vent’anni decide di dedicarsi allo studio del sanscrito: ne scaturirà una personale «Grammatica sanscrita», assoluto capolavoro, che testimonia l’unicità e l’originalità della sua interpretazione del mondo indiano, da lui sempre restituito con la massima trasparenza. Il progressivo percorso di assimilazione e ...