F. Dostoevskij. Il Grande Inquisitore (RLI CLASSICI)

Compra su Amazon

F. Dostoevskij. Il Grande Inquisitore (RLI CLASSICI)
Autore
Fedor Dostoevskij
Pubblicazione
17 settembre 2015
Categorie
Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito!

Questo ebook ha: INDICE LINKATO.



Il Grande Inquisitore, è un capitolo del romanzo “I Fratelli Karamazov”.

Il romanzo fu completato dallo scrittore nel 1880, pochi mesi prima di morire, e questo capitolo è dipinto a tinte forti dallo stile narrativo policentrico di Fëdor Dostoevskij; uno stile che altre volte è emerso dai suoi lavori, in cui il risultato non è una narrazione a protagonista unico ma piuttosto un’opera che nella sua interezza esprime uno scontro tra pensieri, formulati sempre nella totalità delle proprie sfumature.

Questa volta è Ivan Karamazov (arguto, ribelle, orgoglioso) che narra a suo fratello Alëša (spirituale, sensibile, religioso) una storia fantastica: nel XVI secolo Gesù ritorna tra gli uomini, a Siviglia, alla presenza del cardinale inquisitore che ha appena fatto bruciare un centinaio di anime eretiche. Qui l’autore si concentra su fede e ateismo (libertà o schiavitù?), e mostrando tutta la propria capacità filosofica, esprime il conflitto che anche nella vita reale lui stesso conduceva tra la gioia di vivere e la sofferta e incessante ricerca della verità.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Fedor Dostoevskij

Povera gente

Povera gente di

Povera gente  (1846) è il fortunato esordio letterario di Dostoevskij. Ambientato in un contesto sociale estremamente umile, il testo ci appare in parte ispirato a Il cappotto di Gogol'. Scritto in forma epistolare, il romanzo è dominato dal contrasto tra la forza dell'amore e il peso della povertà che opprime due giovani innamorati. L'autore ci mostra come pure nelle classi più basse della...

L'idiota: Ediz. integrale (Grandi classici)

L'idiota: Ediz. integrale (Grandi classici) di

Il giovane principe Myskin ritorna in Russia per ottenere la sua eredità, dopo aver trascorso molto tempo in Svizzera, dove si era recato per curare una malattia nervosa. Durante il viaggio in treno incontra Parfen Rogozin, un ragazzo esuberante, follemente innamorato di Nastas’ja Filippovna. I tre sono destinati a ritrovarsi a San Pietroburgo, dove saranno trascinati in un vortice di...

Le notti bianche: Versione integrale

Le notti bianche: Versione integrale di

Un giovane uomo, di cui non conosciamo il nome, vive isolato e non ha amicizie. Durante una passeggiata notturna sul lungofiume incontra Nesten’ka, una ragazza di diciassette anni. L’uomo è un sognatore, un solitario, distaccato dal mondo il cui vive, e questo incontro fa nascere in lui per la prima volta un sentimento reale. Le notti bianche di San Pietroburgo, in cui la luce non sembra mai...

Cuor debole

Cuor debole di

Vasja Šumkov e Arcadij Ivanovič Nefedevič sono due giovani impiegati, colleghi e coinquilini, legati da una forte amicizia a tratti un po’ morbosa. Un evento inaspettato stravolge la vita di uno dei due, trascinandolo in un vortice di felicità che lo porterà alle soglie della follia. Fëdor Dostoevskij (Mosca 1821-San Pietroburgo 1881), dopo aver abbandonato la carriera militare a cui l’aveva...

Le notti bianche - L'eterno marito (Passepartout Vol. 28)

Le notti bianche - L'eterno marito (Passepartout Vol. 28) di

Sono i maggiori critici militanti e studiosi italiani a raccontare ogni opera in 10 parole chiave: per penetrare fino al cuore dei capolavori di tutti i tempi. Edizioni integrali, testi greci e latini a fronte, traduzioni eleganti, essenziali note a piè di pagina. In più, con le tavole sinottiche, è facile collocare vita e opere degli autori nel contesto storico, letterario e artistico . «Il...

Memorie da una casa di morti

Memorie da una casa di morti di

Condannato a quattro anni di deportazione seguiti da sei di confino, nella colonia penale Dostoevskij si ritrova a toccare con mano il male, non soltanto nella sua forma metafisica, ma nella sua espressione concretamente brutale; e soprattutto la presenza di un abisso incolmabile tra sé, intellettuale nobile, e i detenuti comuni, il popolo. Pur privato dei suoi diritti di nobile, pur sottoposto...