Le orecchie di Hermes: Studi di antropologia e letterature classiche (Biblioteca Einaudi Vol. 96)

Questo volume costituisce una sintesi degli studi di antropologia del mondo antico svolti da Maurizio Bettini dopo la metà degli anni Ottanta, quando il suo testo Antropologia e cultura romana (Nuova Italia Scientifica) introdusse questo tipo di ricerche nel nostro Paese. I saggi qui proposti sono in parte inediti e in parte riscritture di studi già pubblicati. Si articolano in tre sezioni: la prima, dedicata a «Storie di simboli e di eroi», esamina grandi figure simboliche dell'antichità - Hermes, Edipo, Turno - e trasversalmente studia l'evoluzione, nella nostra e in altre culture, dei temi che questi personaggi «incarnavano». La seconda parte affronta «storie di "doppi"» e mette in luce la percezione dell'identità individuale nel mondo latino e in quello medievale, attraverso l'analisi di Plauto, del testo virgiliano e della letteratura medievale irlandese. L'ultima sezione, intitolata «Storie di parole», indaga il significato e l'origine dei vocaboli latini argumentum e mustela e della terminologia usata per designare l'apparenza fisica (os, vultus,facies) in un possibile spaccato di psicologia storica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maurizio Bettini

A che servono i Greci e i Romani?: L'Italia e la cultura umanistica (Vele Vol. 122)

A che servono i Greci e i Romani?: L'Italia e la cultura umanistica (Vele Vol. 122) di

Sempre piú spesso a chi si occupa di discipline umanistiche – e soprattutto classiche – viene chiesto: «A che cosa serve?» Dietro questa domanda agisce una rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini tratte dal mercato...