Jane Austen Book Club

Jocelyn ha passato i cinquanta, ma non smette di partorire un’idea bizzarra dopo l’altra.
Un giorno Sylvia, la sua migliore amica, le confessa che, dopo trendadue anni di matrimonio, suo marito le ha chiesto il divorzio. Trentadue anni di gioie e soddisfazioni svaniti improvvisamente nel nulla, le ha detto singhiozzando. E Jocelyn che cosa fa? Ha la stramba idea di fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club, poiché, dice citando Kipling, «non c’è niente di meglio di Jane quando sei nei pasticci».
Che a Jocelyn sia venuta in mente la Austen e nessun altro scrittore è naturale. Jane Austen ha scritto meravigliosi romanzi sull’amore e, esattamente come Jocelyn che si prende cura solo dell’amore e delle passioni altrui, non si è mai sposata. Che Sylvia abbia accettato è anche questo naturale. Jane Austen è sempre stata per lei come una sorella o una zia che scriveva i suoi libri in un salottino affollato e li leggeva ad alta voce ai parenti per rincuorarli. Quello che è sorprendente però è l’entusiastica adesione al club di Bernadette, Allegra, Prudie e, soprattutto, di Grigg, un bel quarantenne scapolo con i capelli scuri.
Bernadette, sessantasette anni, una donna che se ne frega di tutto e di tutti, una che è stata vista al supermercato in ciabatte e con i capelli sparati sulla fronte, ha subito detto che lei ama immensamente la Austen di Orgoglio e pregiudizio, il romanzo che rivela il genio della sua grande comicità, ricco di pagine irresistibili e ironiche. Ha proposto perciò di inaugurare il club con la lettura di quest’opera, ma Jocelyn ha scartato subito l’idea. Come si fa a propinare un tipo sexy come Darcy, il protagonista maschile di Orgoglio e pregiudizio, a una che è appena stata piantata come Sylvia?
Allegra, la figlia di Sylvia, una ragazza che si fa tagliare i capelli da parrucchieri costosi e porta scarpe economiche e sexy, e non si lascia sfuggire un’occasione per dichiararsi lesbica, ha confessato che lei adora soprattutto la Austen che mostra quali terribili conseguenze possano avere le necessità finanziarie sulle vite private delle donne! Prudie, che si è sposata da poco, e ha solo ventotto anni, la pelle bianchissima e le guance scavate, ha sussurrato che la sua Austen preferita è la scrittrice cupa di Persuasione, l’autrice morta a soli quarantuno anni! Grigg, infine, il bel quarantenne scapolo con le ciglia troppo lunghe e fitte per un uomo, si è addirittura presentato alla prima riunione con l’opera completa della Austen sotto al braccio…
Romanzo irresistibile in cui quattro donne e un uomo, intrattenendosi sul «significato del matrimonio, dello status sociale e dell’amore in Jane Austen» (Publisher Weekly), svelano gli orgogli e i pregiudizi del nostro mondo, Jane Austen Book Club ha rivelato, sulla scena letteraria americana, lo straordinario talento di Karen Joy Fowler.

«Straordinario, irresistibile, divertente, un romanzo che è più di una grande commedia».
San Francisco Chronicle


«Un perfetto romanzo alla Jane Austen in cui ogni personaggio porta alla narrazione qualcosa di comico, sentimentale, lirico».
The New York Times





«Questo romanzo mi piace talmente che me lo mangerei, se potessi farlo».
Alice Sebold


«Uno di quei rari libri che ci ricorda che cosa significa veramente leggere».
The New York Times Book Review


«Avvincente, delicato, toccante, divertente».
The Washington Post


«Una deliziosa commedia di costume contemporanea».
Entertainment Weekly

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Karen Joy Fowler

Siamo tutti completamente fuori di noi

Siamo tutti completamente fuori di noi di

PREMIO PEN/FAULKNER 2014«UN LIBRO DAL GRANDE CUORE, INCREDIBILMENTE INTELLIGENTE, PROFONDO E AMBIZIOSO». KHALED HOSSEININon possiamo dirvi qui il fondamentale segreto di questo libro, che scoprirete leggendo. Possiamo però riferire quel che ne ha scritto la giuria del PEN/ Faulkner, uno dei più prestigiosi premi letterari americani, assegnato nel 2014 a Siamo tutti completamente fuori di noi: «...