Personcine

Compra su Amazon

Personcine
Autore
Maria Messina
Editore
Vecchie Letture
Pubblicazione
5 maggio 2015
Categorie
- Indice interattivo.



Non bambine ma personcine.

Bellissimo questo titolo perché racchiude l’essenza dei racconti che raccoglie. Scrive in un racconto la Messina che “le virtù messe in pratica fin da piccoli, diventano altrettante abitudini dello spirito” ed è questa l’anima delle novelle, dove conosciamo tante bambine con poveri mezzi, che cercano di diventare delle belle persone, ma sono già personcine ossia racchiudono il seme di ciò che germoglierà nella vita adulta. Non riusciamo a guardarle come bambine, ma come delle piccole donne alle prese con una vita difficile che le costringe a crescere bruciando le tappe, che fa conoscere loro anzitempo il lavoro, che le distrae dalla scuola, che le mette presto davanti al sacrificio, alla fatica, alla difficoltà di appartenere ad una classe sociale povera.



La Messina ha sempre un occhio attento alle donne, che certamente non se la passavano bene, piegate dal lavoro, costrette a mandare avanti le famiglie da sole perché spesso i mariti erano in guerra, scoraggiate se volevano studiare o ambire a qualcosa di più o di diverso da un matrimonio magari combinato. E quando scrive queste novelle nel 1921, la Messina è già uscita dalla sua Sicilia quindi ci regala un quadro più generale della situazione italiana, spingendosi alle Marche e alla Toscana.

Le novelle ci dicono di momenti difficili, dicono della privazione subita, perché sullo sfondo c’è la I Guerra Mondiale che separa i padri dai figli, i mariti dalle mogli e costringe ciascuno ad arrangiarsi come può e a campare come sa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maria Messina

L'amore negato

L'amore negato di

Nell'ultimo romanzo della scrittrice siciliana le protagoniste sono due sorelle, tanto diverse ma tanto simili nella loro incapacità di incontrare l'amore.Dall’incipit del libro:La piazza di Santa Maria, un po’ isolata, non aveva niente di bello. Pure Miriam passava volentieri quasi l’intera giornata a lavorare fitto fitto davanti la finestra bassa che si apriva proprio di faccia alla chiesa. M...

Ragazze siciliane

Ragazze siciliane di

Una raccolta di splendide novelle scritte nel 1921 che descrivono la condizione femminile dell'epoca.Un piccolo capolavoro dimenticato del Novecento. Maria Messina (Palermo, 14 marzo 1887 – Pistoia, 19 gennaio 1944) è stata una scrittrice italiana.

La casa nel vicolo

La casa nel vicolo di

La serena tragedia di due donne e un ragazzo sacrificati all'egoistico machismo di uno squallido omuncolo.La storia di due sorelle trapiantate in città a causa di un matrimonio, ma che della stessa non vedranno niente, se non una piccolissima parte con una passeggiata a dir poco "rubata".

La casa nel vicolo

La casa nel vicolo di

Nicolina cuciva sul balcone, affrettandosi a dar gli ultimi punti nella smorta luce del crepuscolo. La vista che offriva l’alto balcone era chiusa, quasi soffocata, fra il vicoletto, che a quell’ora pareva fondo e cupo come un pozzo vuoto, e la gran distesa di tetti rossicci e borraccini su cui gravava un cielo basso e scolorato. Nicolina cuciva in fretta, senza alzare gli occhi: sentiva, come ...

I figli dell'uomo sapiente

I figli dell'uomo sapiente di

I figli dell'uomo sapiente è una raccolta di tre racconti illustrata da Yambo. Nel primo Maria messina ci racconta le avventure di due fratelli attraverso un mondo fatato, quasi un pre-fantasy, fate, nani e principesse. Il secondo ci parla delle peripezie di una scimmietta che ne combina di tutti i colori in giro per il paese. Fiorita, Fiorina e Fiorella, invece, sono le tre sorelle protagonist...

Ragazze siciliane

Ragazze siciliane di

Miniature di ragazze siciliane, lavorate a cesello, rifinite in oro. Sono novelle del 1921, che raccontano ragazze del 1921, che abitano la provincia siciliana e che lottano per respirare libertà, per poter portare a compimento il loro progetto di vita, che a volte non hanno un progetto perché sono allevate pensando che qualcun altro, un uomo generalmente, sarà l’artefice della loro felicità, ...