Personcine

Compra su Amazon

Personcine
Autore
Maria Messina
Editore
Vecchie Letture
Pubblicazione
05/05/2015
Categorie
- Indice interattivo.



Non bambine ma personcine.

Bellissimo questo titolo perché racchiude l’essenza dei racconti che raccoglie. Scrive in un racconto la Messina che “le virtù messe in pratica fin da piccoli, diventano altrettante abitudini dello spirito” ed è questa l’anima delle novelle, dove conosciamo tante bambine con poveri mezzi, che cercano di diventare delle belle persone, ma sono già personcine ossia racchiudono il seme di ciò che germoglierà nella vita adulta. Non riusciamo a guardarle come bambine, ma come delle piccole donne alle prese con una vita difficile che le costringe a crescere bruciando le tappe, che fa conoscere loro anzitempo il lavoro, che le distrae dalla scuola, che le mette presto davanti al sacrificio, alla fatica, alla difficoltà di appartenere ad una classe sociale povera.



La Messina ha sempre un occhio attento alle donne, che certamente non se la passavano bene, piegate dal lavoro, costrette a mandare avanti le famiglie da sole perché spesso i mariti erano in guerra, scoraggiate se volevano studiare o ambire a qualcosa di più o di diverso da un matrimonio magari combinato. E quando scrive queste novelle nel 1921, la Messina è già uscita dalla sua Sicilia quindi ci regala un quadro più generale della situazione italiana, spingendosi alle Marche e alla Toscana.

Le novelle ci dicono di momenti difficili, dicono della privazione subita, perché sullo sfondo c’è la I Guerra Mondiale che separa i padri dai figli, i mariti dalle mogli e costringe ciascuno ad arrangiarsi come può e a campare come sa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maria Messina

La casa nel vicolo

La casa nel vicolo di

La serena tragedia di due donne e un ragazzo sacrificati all'egoistico machismo di uno squallido omuncolo.La storia di due sorelle trapiantate in città a causa di un matrimonio, ma che della stessa non vedranno niente, se non una piccolissima parte con una passeggiata a dir poco "rubata".

Personcine

Personcine di

Ciascuna stagione portava fiori nei due balconi dove sbocciavano margherite doppie, vividi gerani color di ceralacca e gerani bianchi purissimi; giunchiglie dorate, garofani meravigliosi e grandi viole dalla faccia di donnine invecchiate; e poi rose e rose: rose in tutte le sfumature dell'avorio che si arrampicavano fin sotto la ringhiera del balcone del verificatore di pesi e misure, e che lui...

Ragazze siciliane

Ragazze siciliane di

La notte fu lunga e senza riposo per la madre. Pensava: la camera dev'essere preparata domani, di prima mattina. Gli farò il brodo col riso. Farò anche le frittelle col miele, che gli piacciono. Bisogna fargli festa. Non è mai uscito di casa, neppure per un giorno. Il Signore ha voluto che mi lasciasse per un'occasione come questa, e sia fatta la volontà del Signore.

I figli dell'uomo sapiente

I figli dell'uomo sapiente di

C'era una volta un uomo che si credeva d'essere sapiente. In che consistesse la sua sapienza, forse non l'avrebbe saputo dire neanche lui. Leggeva giorno e notte in certi suoi libracci, ed era convinto di conoscere benissimo tutto il mondo perchè lo studiava attentamente su un globo di cartapesta. Egli viveva solo solo in una casa posta fuori della città perchè sdegnava la compagnia. Secondo lu...

Il guinzaglio

Il guinzaglio di

La storia di rapine che si andava svolgendo sul telaio interessava tutta la platea; ma gli «intellettuali» erano venuti, come le altre sere, per sentire Marullo – o meglio il maestro Marullo – che suonava all’«Edison» per l’ultima volta. Anche dalle poltrone certuni battevano le mani, col ritorno della luce e del silenzio, mentre i ragazzi applaudivano le figure della pellicola: e gli applausi ...

Piccoli gorghi

Piccoli gorghi di

Quello che se la passava male era Mùnnino, poveraccio, di cui la madre si sbarazzava il più che poteva; la mattina lo mandava a scuola con un pezzo di pane sotto il braccio, e nel pomeriggio gli faceva trovar la porta chiusa. Mùnnino che c'era abituato, infilava i quaderni nella gattaiola e s'avviava verso la via Amarelli dove c'era la pergola di padre Nibbio; s'accoccolava su uno scalino, coi ...