I Pazzi: Dramma In Quattro Atti (Illustrato)

La trasposizione cinematografica delle opere teatrali di Roberto Bracco, fatta eccezione per La piccola fonte e Sperduti nel buio (quest'ultima diretta da Martoglio nel 1914), rimane, a tutti gli effetti, un progetto teorico mai realizzato. I motivi di questa travagliata vicenda sono da ricercare soprattutto nell'elezione di Bracco a candidato dell'opposizione, in un periodo in cui il Fascismo domina ogni settore della vita pubblica e privata, e nell'ascesa dell'astro emergente Luigi Pirandello che, dopo il 1910, oscura la fama teatrale di Bracco.

Dal carteggio riguardante la collaborazione tra Bracco e la Scalera Film (di don Michele Scalera), emerge lo scontento dell'Autore per la bocciatura di ogni sua proposta presentata al Perilli, consulente cinematografico della suddetta.
L'amarezza di Bracco deriva dalla consapevolezza che, il vero ostacolo alla realizzazione cinematografica delle sue opere teatrali, non risiede tanto nella superficialità di Scalera quanto nell'opposizione fascista alle sue idee politiche.
Durante il Ventennio fascista, nonostante il suo dichiarato antifascismo, Bracco vede rappresentate molte delle sue opere, da Il piccolo Santo, ( portato in scena da Ruggero Ruggeri e Renzo Ricci e rappresentato memorabilmente anche nel 1941 all'EIAR con la regia di E. Ferrieri e interpretazione principale di Guido de Ponticelli) a La Piccola Fonte (cavallo di battaglia di Maria Melato, rappresentato con grande successo anche da L. Adani) e da Don Pietro Caruso (dato da E. Zacconi, A. Falconi e G. Donadio) fino a Maternità, Gli occhi e L'infedele.
Il regime fascista pone il veto solo per l'opera I Pazzi, ma nel 1929 l'attrice Emma Gramatica, di fede fascista, ottiene l'autorizzazione per la messa in scena e la rappresenta con grande successo, al Teatro Fiorentini di Napoli il 18 giugno dello stesso anno.
Tuttavia quando l'attrice porta I pazzi al teatro Eliseo di Roma, i pirandelliani (anti-Bracco per antonomasia) e i fascisti scatenano una grande confusione in seguito alla quale Mussolini rimette il veto che verrà tolto soltanto alla morte dell'autore dal censore teatrale del Fascismo, il prefetto Zurlo, che assolve ad una promessa fatta a Bracco. Dunque, più che a teatro, Bracco viene penalizzato in campo giornalistico ed in campo cinematografico: La Scalera infatti non rappresenta nessuna delle sue trasposizioni per il cinema anche se nel 1938 la rivista "Cinema" parla di un Don Pietro Caruso in via di produzione, che, non sarà mai realizzato.
Lo stesso destino sarà di Sperduti nel Buio affidato a Pasinetti e mai realizzato.
Roberto Bracco muore circondato dal silenzio il 20 aprile 1943; soltanto il "Corriere della Sera" pubblica un commento affettuoso in suo onore: si tratta di un pezzo pubblicato senza firma, tra le righe è palese lo stile di Renato Simoni.
fonte:teatro.unisa.it

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Roberto Bracco

La piccola fonte

La piccola fonte di

Un lembo di parco a Posillipo. Un’ala del villino di Stefano Baldi — d’un’architettura semplice e aristocratica — si profila a destra, di sbieco, sopra una specie di terrazzino rettangolare senza ringhiera, fatto di mattoni patinati, che, dal livello del terreno battuto, si eleva per l’altezza di due o tre gradini, i quali sono di marmo ben levigato. L’entrata principale del villino non si vede...

Uno degli onesti . (Illustrato)

Uno degli onesti . (Illustrato) di

Uno degli onesti,può sembrare la storia di un matrimonio che naufraga dove lei innamorata di uno sposato. Eppure non è così! una commedia degli equivoci! i personaggi si immergono in contraddizioni e dispute dialettiche dove l’onestà è il principio ispiratore. Una onestà paradossale,da rendere tutta la trama quasi inaspettata .

IL PERFETTO AMORE (Illustrato): Nemmeno un bacio

IL PERFETTO AMORE (Illustrato): Nemmeno un bacio di

Il Perfetto Amore,Nemmeno un Bacio ,Rappresentato per la prima volta al Teatro Manzoni di Milano il 19 dicembre 1910, dalla Compagnia di TINA DI LORENZO.

Il diritto di vivere (Teatro)

Il diritto di vivere (Teatro) di

Il diritto di vivere ha consentito a Roberto Bracco (1861-1943), insieme alle altre sue opere, di essere messo nel novero degli autori concorrenti al Premio Nobel, nomina che non avvenne per l’opposizione del governo fascista. Autore di grandissimo successo in Italia e nel mondo, ebbe i suoi drammi messi in scena da Eleonora Duse, Irma ed Emma Gramatica. Il suo lavoro letterario fu in grado di ...

Maternità

Maternità di

Maternità Roberto Bracco, giornalista, scrittore e drammaturgo italiano (1861-1943) Questo libro elettronico presenta «Maternità», di Roberto Bracco. Indice interattivo: -01- A proposito di questo libro -02- PERSONAGGI -03- ATTO PRIMO. MATERNITÀ -04- ATTO SECONDO. MATERNITÀ -05- ATTO TERZO. MATERNITÀ -06- ATTO QUARTO. MATERNITÀ

I fantasmi

I fantasmi di

I fantasmi Roberto Bracco, giornalista, scrittore e drammaturgo italiano (1861-1943) Questo libro elettronico presenta «I fantasmi», di Roberto Bracco. Indice interattivo: -01- A proposito di questo libro -02- PERSONAGGI -03- ATTO PRIMO. I FANTASMI -04- ATTO SECONDO. I FANTASMI -05- ATTO TERZO. I FANTASMI -06- ATTO QUARTO. I FANTASMI