Il diritto di vivere (Teatro)

Il diritto di vivere ha consentito a Roberto Bracco (1861-1943), insieme alle altre sue opere, di essere messo nel novero degli autori concorrenti al Premio Nobel, nomina che non avvenne per l’opposizione del governo fascista. Autore di grandissimo successo in Italia e nel mondo, ebbe i suoi drammi messi in scena da Eleonora Duse, Irma ed Emma Gramatica. Il suo lavoro letterario fu in grado di stare alla pari con quello di Pirandello. Solo il regime fascista dell’epoca lo costrinse al silenzio, facendolo lentamente sparire dal panorama letterario. Anche per questo, oltre che per la bellezza dei suoi testi, Roberto Bracco meriterebbe una riscoperta e un nuovo, grande successo.
Il diritto di vivere, scritto agli inizi del 1900, in un periodo nel quale il drammaturgo e commediografo napoletano riscontrò un enorme successo nazionale e internazionale sia nel pubblico che nella critica, si caratterizza per il forte realismo che non impedisce all’autore di ispezionare alla sua maniera la psicologia dei personaggi, contraddistinti da un profondo tormento interiore, oppressi come sono da dolori inestirpabili e indipendenti dalla loro condizione economica.
Pur avendo nel tempo fatto registrare una diseguale accoglienza, tutte le opere di Bracco sono unite da un’identica forza trainante: il senso della giustizia che l’autore conservò per tutta la vita.

L’autore: (Napoli 1861 - Sorrento 1943). Esercitò a lungo il giornalismo (dove aveva esordito giovanissimo, nel Corriere del mattino di Napoli), anche come critico drammatico e d'arte (Scritti vari, 1918-21); scrisse versi dialettali e novelle (Smorfie umane, 1906; Smorfie gaie, 1909; Smorfie tristi, 1909). Dei suoi molti lavori per il teatro, che ottennero largo successo e furono rappresentati anche all'estero, si raccomandano le commedie e i drammi dove l'originario naturalismo, spesso così crudo, e le ideologie sue e del tempo spesso esasperate secondo schemi ibseniani (I fantasmi, 1906; Il diritto di vivere, 1907, I pazzi, 1922;) riescono a temperarsi in un trepido psicologismo, in un'aura intimista, precorritrice del "teatro del silenzio".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Roberto Bracco

Fiori d'arancio

Fiori d'arancio di Roberto Bracco Ali Ribelli Edizioni

Una tra le opere meno conosciute di Roberto Bracco, giornalista e raffinato sceneggiatore napoletano, unico insieme a Benedetto Croce a sottoscrivere la  Déclaration de l'indépendance de l'Esprit , proposta da Romain Rolland e pubblicata sul quotidiano socialista  L'Humanité  il 26 giugno 1919. La sua avversione alla guerra e al fascismo gli costarono, in larga misura, la carriera.

Uno degli onesti . (Illustrato)

Uno degli onesti . (Illustrato) di Roberto Bracco

Uno degli onesti,può sembrare la storia di un matrimonio che naufraga dove lei innamorata di uno sposato. Eppure non è così! una commedia degli equivoci! i personaggi si immergono in contraddizioni e dispute dialettiche dove l’onestà è il principio ispiratore. Una onestà paradossale,da rendere tutta la trama quasi inaspettata .

I Pazzi: Dramma In Quattro Atti (Illustrato)

I Pazzi: Dramma In Quattro Atti (Illustrato) di Roberto Bracco

La trasposizione cinematografica delle opere teatrali di Roberto Bracco, fatta eccezione per La piccola fonte e Sperduti nel buio (quest'ultima diretta da Martoglio nel 1914), rimane, a tutti gli effetti, un progetto teorico mai realizzato. I motivi di questa travagliata vicenda sono da ricercare soprattutto nell'elezione di Bracco a candidato dell'opposizione, in un periodo in cui il Fascismo ...

IL PERFETTO AMORE (Illustrato): Nemmeno un bacio

IL PERFETTO AMORE (Illustrato): Nemmeno un bacio di Roberto Bracco

Il Perfetto Amore,Nemmeno un Bacio ,Rappresentato per la prima volta al Teatro Manzoni di Milano il 19 dicembre 1910, dalla Compagnia di TINA DI LORENZO.

Ad armi corte (completo)

Ad armi corte (completo) di Roberto Bracco

TEATRO Salotto in casa del dottore Arletti. Due porte laterali. In fondo, la porta comune dietro due pesanti portiere. Il Domestico (un giovine piuttosto tarchiato, dal volto stupidamente austero, dall’incesso solenne ― introduce Laurina Corbari.) Giacchè insiste tanto, favorisca in questo salotto e aspetti. Ma le ripeto che il dottore non c’è.