Quando eravamo ragazze (Storie dallo scorso millennio Vol. 2)

Compra su Amazon

Quando eravamo ragazze (Storie dallo scorso millennio Vol. 2)
Autore
Sabrina Folcia
Pubblicazione
8 agosto 2014
Categorie
"Quando eravamo ragazze" e il sequel di "Canzoni per le notti di novembre".

Nel 1990 Giulia si diploma e decide di lasciare la cittadina dove si era trasferita nel 1985, in seguito alla morte della madre. A Milano si iscrive all'università e trova un lavoro, che però le lascia poco tempo per studiare. Una collega le suggerisce allora di proporsi come cameriera al Vertigo, un locale notturno dove lei stessa ha prestato servizio per diversi anni. Inizialmente scettica, Giulia decide di fare un tentativo.

Richi, il direttore del Vertigo la mette in turno, e Giulia diventa presto la sua persona di fiducia e la sua confidente, sia per questioni lavorative che private. Giulia conosce così tutti i piccoli segreti del Vertigo: un proprietario egocentrico e malato, e la sua compagna giovane e disinvolta; il sesso e la droga consumati nei bagni; i drammi tra colleghi per questioni di gioco e di sentimenti.

Tra la fine del 1991 e il 1992 Giulia stringe amicizia con Azzurra, una studentessa di giurisprudenza con la sua stessa passione per le arti figurative. Si frequentano per qualche settimana, poi si perdono di vista.

Si rivedranno quindici anni più tardi, quando Azzurra uscirà dal carcere; racconterà allora a Giulia i dettagli del delitto commesso con la compilicità di tre amiche.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Sabrina Folcia

Visioni private

Visioni private di

Visioni private tratta di uno scambio particolare. Lorenzo è ossessionato dalla pornografia, ma è deluso dalla scarsa qualità e dalla evidente artificiosità dei film porno; decide così di organizzare uno spettacolo privato: acquista un appartamento, lo attrezza con un sofisticato sistema di video-sorveglianza e lo mette a disposizione a titolo gratuito. L'unica condizione è che l'inquilina acce...