Il giudice e la rondine: Elia Contini indaga (Guanda Noir)

Compra su Amazon

Il giudice e la rondine: Elia Contini indaga (Guanda Noir)
Autore
Andrea Fazioli
Editore
Guanda
Pubblicazione
19/06/2014
Categorie
All’inizio sembra che l’unico rischio sia la noia, per l’investigatore Elia Contini: tenere d’occhio un uomo su incarico della moglie. Il solito marito fedifrago? Niente affatto: Mario Madocchi, ex giudice allontanato dalla magistratura e reinventatosi ristoratore, è alle prese con una storia assai più oscura di ricatti e minacce. Fino a che la quiete apparente fra il lago e i monti viene infranta da un omicidio... E Contini si ritrova stretto
fra un inatteso intrigo sentimentale e un caso più serio del previsto.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Andrea Fazioli

Gli svizzeri muoiono felici: I casi di Elia Contini

Gli svizzeri muoiono felici: I casi di Elia Contini di Andrea Fazioli Guanda

  L’investigatore privato Elia Contini è chiamato a occuparsi di un delicatissimo caso di scomparsa. Nel 1998 Eugenio Torres, noto medico, amante del trekking, fondatore di scuole in Niger, all’improvviso sparisce dalla faccia della terra. Vent’anni dopo, alla morte della moglie, i figli assumono Contini per tentare di capire che cosa sia accaduto al padre. Secondo alcune voci, il medico era ...

L'arte del fallimento: Elia Contini indaga

L'arte del fallimento: Elia Contini indaga di Andrea Fazioli Guanda

LE AVVENTURE STRAORDINARIE DI UN INVESTIGATORE SENZA QUALITÀ « Tra suspense e ironia la conferma di un grande talento. » Marco Vichi « Un nuovo, autentico narratore del giallo italiano. Ma è svizzero, e si chiama Andrea Fazioli. » Gianni Biondillo Elia Contini sopravvive facendo l’investigatore privato, costretto a occuparsi per la maggior parte del tempo di piccoli furti e animali ...

Swisstango (Guanda.bit)

Swisstango (Guanda.bit) di Andrea Fazioli Guanda

Mentre cammina lungo Bahnhofstrasse a Zurigo, Rino Bonfanti riconosce un genio del male in ogni svizzero tedesco con la borsa di pelle. Gente che sa come sfruttare il sistema, gente che fa girare i soldi. Lui di solito non lavora in Svizzera, ma nel Nord Italia, visto che abita in Ticino. Ed è buona norma non lavorare mai dove si vive, specialmente se il lavoro consiste nella rapina a mano ...