Vipera: Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi (Le indagini del commissario Ricciardi Vol. 7)

Compra su Amazon

Vipera: Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi (Le indagini del commissario Ricciardi Vol. 7)
Autore
Maurizio de Giovanni
Pubblicazione
27/11/2012
Il romanzo dell'amore impossibile, una città sospesa sull'abisso, un personaggio di donna che rivela il cuore segreto di ognuno. Ripercorrendo la vita troppo breve di Vipera, Ricciardi scoprirà tutto il dolce e tutto l'amaro della vita. Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al Paradiso , esclusiva casa di tolleranza nella centralissima via Chiaia, Vipera, la prostituta piú famosa, è ritrovata morta, soffocata con un cuscino. L'ultimo cliente sostiene di averla lasciata ancora viva, il successivo di averla trovata già morta. Chi l'ha uccisa, e perché? Ricciardi deve districarsi in un groviglio di sentimenti e motivazioni. Avidità, frustrazione, invidia, bigottismo. Amore. La scoperta di passioni insospettabili si accompagna alla rivelazione di una città molto diversa da come appare. Sotto i nostri occhi prendono forma, vivissimi e veri, illuminati da dettagli sorprendenti, sorretti da una genuina vocazione narrativa, i mercati, i vicoli, le strade, i mestieri, la rete rigogliosa dei commerci vecchi e nuovi, accanto alla vigliaccheria e al coraggio, alle violenze arroganti di chi pensa già di essere impunito per sempre perché indossa una camicia nera. Tanto che uno dei compagni di Ricciardi, il dottor Modo, vecchio estimatore di Vipera, finisce per cacciarsi in un guaio molto serio... E il romanzo, come non mai, sembra costruirsi da solo, incantevole e potente, sotto le mani abili di chi sa dosare e mescolare gli ingredienti piú diversi, come accade nelle vere ricette del periodo pasquale di cui è insaporita la storia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione

Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Maurizio de Giovanni

Gelo: Per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big)

Gelo: Per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big) di Maurizio de Giovanni EINAUDI

Un giovane ricercatore di grande talento e sua sorella, una ragazza tanto bella da togliere il fiato, vengono assassinati nel loro misero appartamento. Qualcuno ha interrotto le loro vite un attimo prima che trovassero il riscatto, ma non sembra esserci movente. Lojacono e Di Nardo sono impegnati in una corsa contro il tempo. Gigi Palma, il commissario, è stato chiaro: risolvere il caso, e in ...

Gli occhi di Sara (Nero Rizzoli) (Le indagini di Sara Vol. 4)

Gli occhi di Sara (Nero Rizzoli) (Le indagini di Sara Vol. 4) di Maurizio de Giovanni

Troppo freddo per Settembre (Einaudi. Stile libero big)

Troppo freddo per Settembre (Einaudi. Stile libero big) di Maurizio de Giovanni

Una Sirena a Settembre (Mina Settembre Vol. 3)

Una Sirena a Settembre (Mina Settembre Vol. 3) di Maurizio de Giovanni

Buio: per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big)

Buio: per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big) di Maurizio de Giovanni EINAUDI

Nel tepore ingannevole di un maggio malato, il raccogliticcio gruppo di investigatori comandato da Gigi Palma si trova a fronteggiare un crimine terribile: un bambino di dieci anni, nipote di un ricco imprenditore, è stato rapito. Le indagini procedono a tentoni, mentre il buio si impadronisce lentamente dei cuori e delle anime e la morsa di una crisi di cui nessuno intravede l'uscita stravolge...

Regalo di Natale (La memoria)

Regalo di Natale (La memoria) di Maurizio de Giovanni Sellerio Editore

Il bello di un regalo è la sorpresa, e in ogni sorpresa può nascondersi un segreto, un mistero, e, perché no, anche un delitto. I nostri eroi ritornano. Dopo averli visti all’opera la notte del 25 dicembre nella festa familiare per eccellenza, li abbiamo seguiti per il capodanno, tra un botto di fine anno e un delitto di mezzanotte; ma non li abbiamo lasciati neanche per il ferragosto, stremati...