Il lanciatore di giavellotto (Letture Einaudi)

Compra su Amazon

Il lanciatore di giavellotto (Letture Einaudi)
Autore
Paolo Volponi
Editore
EINAUDI
Pubblicazione
20 gennaio 2015
Categorie
Norma Coramboni è una delle donne più belle e affascinanti della letteratura italiana del Novecento. Di lei sono tutti innamorati (tranne forse il marito): il suocero che sublima l'attrazione per la nuora con l'arte delle sue splendide ceramiche, il gerarca-amante e soprattutto il figlio Damìn, adolescente asfissiato da un grumo di desiderio e di dolore che i successi nello sport non riescono a sciogliere, anche perché il responsabile della sua squadra di atletica è proprio l'amante della madre. L'educazione erotica e sentimentale del ragazzo, con il suo finale drammatico e spiazzante, è messa in scena con la scrittura più visiva e cinematografica che Volponi abbia mai elaborato. Così un romanzo apparentemente tradizionale è in realtà un libro modernissimo, anticipatore del gusto contemporaneo. I due poli di maggior rilievo in questo romanzo sono il corpo e la storia: e ciò attenua lo spaesamento che può indurre nel lettore l'oscillazione di Volponi fra romanzi sperimentali e romanzi tradizionali. Il tema del corpo, infatti, in ogni testo volponiano resta sempre centrale e in costante tensione con i dati socioeconomici: il corpo di Albino Saluggia e i suoi «mali» nella fabbrica di Memoriale, il corpo-macchina del contadino Anteo Crocioni e le sue congetture utopiche in La macchina mondiale, il corpo schizoide di Gerolamo Aspri e le sue ansie di distruzione atomica in Corporale. Anche nel Lanciatore, il corpo e la storia entrano in dialogo e in conflitto: la disastrosa esperienza sentimentale di Damìn, il lavoro di artigiano ceramista del nonno, quello già precocemente votato ai consumi di massa del padre e la prima acculturazione mediatica del fascismo, interagiscono reciprocamente tra loro, come in un campo di forze. Dalla prefazione di Emanuele Zinato

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Paolo Volponi

La strada per Roma (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 101)

La strada per Roma (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 101) di

Rimasto inedito per quasi trent'anni, questo straordinario «romanzo di formazione» traccia con classica serenità compositiva e al tempo stesso con febbrile, convulsa inquietudine testimoniale la storia di un giovane che vive il proprio sofferto distacco dall'età dell'irresponsabilità e dei miti come illusoria scoperta di un «modello di sviluppo» capace di affrancare insieme il suo...

Parlamenti (Carta Bianca)

Parlamenti (Carta Bianca) di

Mentre si impegnava strenuamente contro i tagli alla scala mobile, il duopolio televisivo o la Guerra del Golfo, Paolo Volponi, dirigente olivettiano, eletto in Parlamento nel 1983, scriveva, sulle stesse carte del Senato, appunti, poesie, intere sequenze di romanzi. Tra queste carte si trovano i materiali di un romanzo «su Palazzo Madama», concepito da Volponi in dialogo con il senatore del...

Le mosche del capitale (Letture Einaudi Vol. 58)

Le mosche del capitale (Letture Einaudi Vol. 58) di

«Il personaggio di Bruto Saraccini è l'estrema proiezione autobiografica di Paolo Volponi, scrittore e manager di vertice (prima alla Olivetti, responsabile del personale e delle relazioni aziendali, in seguito alla Fiat, da consulente), così come Le mosche del capitale , edito da Einaudi nel 1989, è tanto un drammatico bilancio personale quanto l'allegoria di un universo in...

Corporale (Einaudi tascabili. Scrittori)

Corporale (Einaudi tascabili. Scrittori) di

Fra avventure d'amore, traffici e speculazioni, in un tumulto di eventi veri o fantastici - su cui domina un incombente disfacimento, quel terrore atomico che gli fa progettare un solitario rifugio appenninico - il protagonista di questo romanzo febbrile e vorticoso è l'Ulisse senza ritorno di un'Odissea del vivere d'oggi. Volponi ci offre scoperte di stupefacente poesia, che pongono...

Il sipario ducale (Gli struzzi Vol. 262)

Il sipario ducale (Gli struzzi Vol. 262) di

«Il sipario ducale» è stato, nel '75, l'avvio di una nuova fase nella narrativa di Volponi. Lo scrittore abbandonava la forma anche esteriormente piu diretta della prima persona, non per dimettere, ma anzi per offrirsi una maggior libertà di intervento e di giudizio. Tutto ciò sembrava richiesto da una materia incandescente, anche temporalmente concentrata (la storia dura nella misura...

Memoriale (Einaudi tascabili. Scrittori)

Memoriale (Einaudi tascabili. Scrittori) di

Prigioniero in Germania nell'ultima fase della seconda guerra mondiale, vittima in prigionia di tubercolosi polmonare e tormentato fin dall'infanzia dalla inguaribile malattia della solitudine, quando viene assunto da una grande fabbrica del Nord, Albino Saluggia si illude di poter cambiare vita e finalmente di guarire da tutti i suoi mali. Ma l'ingresso nel mondo del lavoro si rivela ben...