Gli ultimi anni di Clelia Trotti

“Ebbene, chi poteva mai essere se non Clelia Trotti la persona venuta ad aprire? Era certo lei. Non poteva essere che lei la donnetta risecchita e trasandata, la specie di beghina di cui parlava la gente! Per sincerarsene bastava guardarle gli occhi. Erano tuttora gli occhi stupendi della libera, ardita fanciulla emula di Anna Kuliscioff, dell’impetuosa eroina della classe operaia.” Clelia Trotti è la maestra più conosciuta di Ferrara, impegnata politicamente, apertamente socialista. Per questo motivo, è anche stata in prigione e al confino. Un giovane insegnante, Bruno Lattes, anche se non sposa le sue idee politiche, farà di tutto per conoscerla: diventeranno amici, condividendo progetti e paure per il futuro incombente. Tratto da “Cinque storie ferraresi” pubblicato da Feltrinelli.
Numero di caratteri: 87.387

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giorgio Bassani

Italia da salvare: Gli anni della Presidenza di Italia Nostra (1965-1980)

Italia da salvare: Gli anni della Presidenza di Italia Nostra (1965-1980) di Giorgio Bassani Feltrinelli Editore

Oltre a essere narratore e poeta, consulente editoriale per Feltrinelli e vicedirettore della Rai, Giorgio Bassani fu tra i fondatori di Italia Nostra, associazione nazionale che ha tutt’oggi l’obiettivo di diffondere nel paese la cultura della conservazione del paesaggio urbano e rurale, dei monumenti, del carattere ambientale delle città. “L’Italia è un Paese sacro non soltanto per noi, ma ...

Una lapide in via Mazzini

Una lapide in via Mazzini di Giorgio Bassani Feltrinelli Editore

“Gli stava dinanzi un uomo basso, tarchiato, il capo coperto fin sotto gli orecchi da uno strano berretto di pelliccia. Come era grasso! Sembrava gonfio d’acqua, una specie di annegato. Indicò la lapide. ‘Geo Josz?’ Si dichiarò dispiaciuto. Eh già – sospirò –: la lapide avrebbe dovuto essere rifatta, dato che quel Geo Josz, lassù, cui in parte risultava dedicata, non era altri che lui stesso, ...

Lida Mantovani

Lida Mantovani di Giorgio Bassani Feltrinelli Editore

“Riandando agli anni lontani della giovinezza, sempre, finché visse, Lida Mantovani ricordò con emozione l’evento del parto, e, in ispecie, i giorni che l’avevano immediatamente preceduto.” La storia di una donna coraggiosa che, abbandonata da un compagno codardo, riesce a ricostruire la propria vita attorno al figlioletto e a ritrovare, per un fugace momento, la serenità che pensava svanita ...

Il giardino dei Finzi-Contini (Il romanzo di Ferrara Vol. 3)

Il giardino dei Finzi-Contini (Il romanzo di Ferrara Vol. 3) 2 di Giorgio Bassani

Pochi romanzi italiani del Novecento sono entrati così profondamente nel cuore dei lettori come Il giardino dei Finzi-Contini, un libro che è riuscito a unire emozioni private e storia pubblica, fondendole in un meccanismo letterario perfetto e struggente. Un narratore senza nome ci guida tra i suoi ricordi d'infanzia, nei suoi primi incontri con i figli dei Finzi-Contini, Alberto e Micòl, suoi...

Poesie complete

Poesie complete di Giorgio Bassani Feltrinelli Editore

Per conoscere Bassani, una delle voci più significative e originali del nostro secondo Novecento, è necessario, accanto al Romanzo di Ferrara, leggere la poesia che lo ha accompagnato dalla giovinezza fino al definitivo silenzio della scrittura, e che è altrettanto importante, impegnata, coinvolgente dei suoi testi in prosa. In rima (negli anni che precedono la pubblicazione dei romanzi) e ...

Cinque storie ferraresi: Dentro le mura

Cinque storie ferraresi: Dentro le mura 1 di Giorgio Bassani Feltrinelli Editore

Questa splendida raccolta di racconti (Lida Mantovani, La passeggiataprima di cena, Una lapide in via Mazzini, Gli ultimi anni di Clelia Trotti e Una notte del ’43) valse a Giorgio Bassani il Premio Strega 1956. In comune le “cinque storie” hanno una sorta di dolente consapevolezza e l’ambientazione indimenticabile: Ferrara, cittadina di provincia che qui assurge a simbolo di un’intera nazione...