L'amicizia

Coronamento di una serie di riflessioni sul tema dell'amicizia elaborate in molti decenni, il dialogo Laelius de amicitia (44 a.C.) è una testimonianza importante dello spiccato interesse di Cicerone per la filosofia e della sua vasta cultura. Il tema gli stava particolarmente a cuore: già nel De natura deorum aveva trattato della benevolenza umana come fondata su quella divina, in polemica con la concezione epicurea che, negando ogni interesse degli dei verso gli uomini, aveva eliminato anche l'autentico fondamento dell'amicizia umana, lasciando spazio soltanto a una concezione utilitaristica dei rapporti interpersonali. Tematiche e polemiche che ritornano in questo dialogo sull'amicizia, dove sono messe maggiormente a fuoco e ricevono una più ampia e specifica trattazione.
L'attenzione specifica per questo argomento, unita all'esplicito invito di Attico («Spesso mi sollecitavi a scrivere qualcosa sull'amicizia»), indussero Cicerone alla composizione del dialogo, nel quale, accanto ad elementi tratti dai filosofi greci, ve ne sono altri che manifestamente derivano dalla personale esperienza di amicizia di Cicerone con lo stesso Attico. Possiamo ritenere che l'amicizia tra Lelio e Scipione, che è il fulcro del dialogo, sia immagine di quella tra Cicerone e il suo amico di sempre, dalla giovinezza alla morte, Tito Pomponio Attico, a cui l'opera è dedicata.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Cicerone

De oratore

De oratore di

Composto fra il 55 e il 54 a.C., il De oratore è un trattato in tre libri di forma dialogica che illustra i cinque aspetti fondamentali dell’arte retorica: invenzione, disposizione, stile, memoria e azione. Il buon oratore deve essere in grado di seguire al meglio le regole e le tecniche che Cicerone insegna. Mettendo in scena, grazie a personaggi più o meno noti della sua contemporaneità, le d...

Le passioni (Lezioni d'amore)

Le passioni (Lezioni d'amore) di

Secondo Cicerone, tre sono gli ingredienti fondamentali per imparare a gestire le proprie passioni, non solo amorose: libertà, immaginazione filosofica e autogoverno. Che siano passioni gentili, come l’amore, o negative, si tratta pur sempre di “Moti turbolenti e concitati dell’anima, alieni da ragione e sommamente ostili alla tranquillità della mente e della vita”: dunque errori di giudizio o ...

La felicità della virtù (Filosofia antica per spiriti moderni)

La felicità della virtù (Filosofia antica per spiriti moderni) di

Uno dei problemi filosofici che ha impegnato le migliori menti di ogni tempo è quello messo in scena dal V libro delle Discussioni tusculane di Cicerone. Il dilemma è questo: esiste un ritorno personale, in termini di piacere o di benessere interiore, nel compiere buone azioni? O ancora: coltivare le proprie doti migliori con atteggiamento disinteressato paga? Insomma, può farci felici la virtù...

Il bene e il male (Filosofia antica per spiriti moderni)

Il bene e il male (Filosofia antica per spiriti moderni) di

Cicerone, il grande oratore e politico, vibrante difensore delle istituzioni repubblicane, amava filosofare in villa. Che si trovasse nelle sue residenze di Asturia, Tuscolo, Arpino, serenamente in vacanza o piuttosto in ritiro forzato a causa della vita politica romana sempre più turbolenta, Cicerone non mancava di approfittare della pace offerta dalla villeggiatura per coltivare, tra meditazi...

Orazioni/Vol. I (Classici della religione)

Orazioni/Vol. I (Classici della religione) di

106 in totale le orazioni scritte e pronunciate da Cicerone, 58 quelle giunte in forma integra, mentre delle restanti sono rimasti solo i titoli e alcuni frammenti. Il carattere distintivo dell'eloquenza ciceroniana sta nell'essersi subito posta al di fuori delle scuole tradizionali di retorica, referenti all'asianesimo o all'atticismo, e nella varietà dei registri usati. Da questi caratteri de...

Epistole/Vol. III (Classici della religione)

Epistole/Vol. III (Classici della religione) di

Per la prima volta un'edizione critica in formato digitale delle epistole di Cicerone. Questo ebook raccoglie tutte le lettere ad familiares, composte dal 62 al 43 a.C., quelle di data incerta e vari altri frammenti. L'edizione, curata da Giovanna Farbarino e Raffaella Tabacco, fornisce l'originale latino, la traduzione e le note critiche collegati tra di loro secondo una logica ipertestuale.