Il fantasma di Canterville (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1710)

Compra su Amazon

Il fantasma di Canterville (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1710)
Autore
Oscar Wilde
Editore
EINAUDI
Pubblicazione
27/10/2015
Categorie
Che cosa può spingere un vecchio fantasma, Sir Simon de Canterville, sull'orlo della depressione? Forse i nuovi abitanti del suo antico castello, l'ambasciatore americano Otis e la sua portentosa famiglia, che non si lasciano certo spaventare e mettere in fuga da catene scricchiolanti, ululati sinistri e macchie di sangue. Pubblicato per la prima volta nel 1887, Il fantasma di Canterville è una favola semplice e accattivante, un po' macabra e un po' amorosa, leggera e ironica, capace di conservare il sapore fondamentale dell'opera di Wilde che, come diceva Borges, "è la felicità".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Oscar Wilde

Un marito ideale (Biblioteca di Alphaville)

Un marito ideale (Biblioteca di Alphaville) di Oscar Wilde Alphaville Edizioni Digitali

L’ultima e la più celebre delle “commedie salottiere” di Oscar Wilde. Una “femme fatale”, Mrs Cheveley (una “donna con un passato”), ricatta il brillante Sir Robert Chiltern (il “marito ideale”) minacciandolo di distruggerne la carriera politica e il matrimonio rivelando alla stampa un episodio di corruzione. Riuscirà il dandy Lord Goring (“il primo filosofo ben vestito della storia del ...

Il ritratto di Mr W.H.

Il ritratto di Mr W.H. di Oscar Wilde Feltrinelli Editore

Scrive William Shakespeare, in dedica ai suoi Sonetti, “To the onlie begetter of these insuing sonnets Mr W. H.”. Ma chi è costui, così importante da meritarsi la dedica di un libro del Bardo? Due amici discutono animatamente su W.H., arrivando a ipotizzare che fosse un giovanissimo attore che turbava i sentimenti del drammaturgo. Per confermare la propria tesi, si può arrivare a falsificare un...

Il ritratto di Dorian Gray (il dattiloscritto originale)

Il ritratto di Dorian Gray (il dattiloscritto originale) di Oscar Wilde MONDADORI

«Ci ho messo molto di me. Basil Hallward è come ritengo di essere; Lord Henry è come il mondo ritiene che io sia; Dorian è come vorrei essere – in altri tempi, forse.» Quando, nel luglio 1890, sul «Lippincott's Monthly Magazine» uscì Il ritratto di Dorian Gray, si gridò allo scandalo. Nel preparare il romanzo per la successiva edizione in volume, Oscar Wilde fu quindi spinto dalle furiose ...

Gente di Dublino (Ennesima)

Gente di Dublino (Ennesima) di Oscar Wilde Guaraldi

Non è colpa mia se l'odore di cenere, d'erbe macerate e d'immondizie aleggia sulle mie novelle. Io credo seriamente che Lei ritarderà il corso della civiltà in Irlanda, se impedirà agli irlandesi di contemplare per bene se stessi nel mio specchio tirato a lucido... scriveva Joyce nel 1906 all'editore inglese che lo pressava affinché modificasse quelle parti di Gente di Dublino che venivano ...

Il principe felice - La casa dei melograni (Ennesima)

Il principe felice - La casa dei melograni (Ennesima) di Oscar Wilde Guaraldi

Fu in questa raccolta di fiabe e racconti che Wilde seppe estrinsecare appieno la sua filosofia di vita, l'anelito verso la bellezza, unica realtà che primeggia su tutte le cose. Le fiabe di Wilde non sempre contengono una morale, molto spesso non sono che semplice invenzione. Sembrano novelle in prosa, ma sono in realtà poemi ricchi di un lirismo in cui la magia creativa dell'artista trasmette...

Il ritratto di Dorian Gray (Ennesima)

Il ritratto di Dorian Gray (Ennesima) di Oscar Wilde Guaraldi

Dorian Gray è un altro dei grandi personaggi letterari che ha venduto l'anima al diavolo. Non per orgoglio intellettuale, ma per orgoglio estetico. Dorian Gray è una soggettività isolata, di quelle che producono imbarazzo perché non sono condivise da un collettivo. È un omosessuale, uno sdoppiato, un dannato. Per questo non smetterà mai di essere moderno.