L'Oracolo di Sher-Os (I Dolmen)

«In un’Isola Sacra posta al tramonto dei vasti imperi d’Oriente,
la Grande Madre dimora in templi maestosi,
i guerrieri impugnano lunghe spade di bronzo
e le loro navi, con le sacre corna del Toro scolpite sull'alta prua,
solcano i mari sfiorando i flutti, leggere e terribili.
Gli spiriti degli antichi Eroi, i Giganti, proteggono gli uomini in battaglia,
le sacerdotesse interpretano la voce della Dea e curano il corpo e lo spirito,
i saggi governano sui villaggi e lo iuke è la loro voce.
Ora una profezia minaccia di distruggere la loro Terra,
l’Isola è nel caos.»
"L'Oracolo di Sher-Os" è il secondo volume di una trilogia di ambientazione preistorica che racconta le gesta del Popolo delle Torri.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Andrea Sanna

Il Sangue dei Giganti: Il Popolo delle Torri (I Dolmen)

Il Sangue dei Giganti: Il Popolo delle Torri (I Dolmen) di

L’isola delle Torri è lontana, il vento gonfia le vele,le lame sono affilate e il guerriero non teme nulla.L’urlo di guerra scuote l’Oriente, l'invasore sarà ovunque.La città sullo stretto cadrà sotto gli occhi del Grande Ree nulla fermerà i Principi della Guerra.La Dea sussurra consigli al figlio prescelto,e lui non cederà di un passo davanti al nemico.Il Principe delle Sabbie scaglierà i suoi...

Lo Scudo del Danur (I Dolmen)

Lo Scudo del Danur (I Dolmen) di

Sotto una pioggia scrosciante, in una notte fredda e buia scossa dai lampi e dai fulmini, alle pendici del santuario di Sher-Os nasce l’ultima Figlia della Grande Luna.Nelle Terre dei Libbu e ai confini del Regno della Sabbia, giovani combattenti imparano l’arte della guerra. Nure ha uno iuke crudele che porterà solo sangue e lacrime, suo figlio dovrà scappare dalla sua follia e la Dea gli most...

SARMA

SARMA di

L’uomo fissava il soffitto ammuffito e nero, con gli occhi spalancati e strabordanti di terrore.La mente, ottenebrata dal dolore e dalla paura, aveva smesso di creare pensieri razionali o meno, ed era come un disco incantato in un grido continuo e muto.Era nudo, e braccia e gambe erano immobilizzate con robusti lacci ad un tavolaccio di legno duro e ruvido, dove si era svegliato almeno un ora p...