Panino al prosciutto: NUOVA TRADUZIONE DI SIMONA VICIANI

Tra le periferie di una Los Angeles prostrata dalla Grande Depressione degli anni Trenta, Henry Chinaski vive il suo romanzo di formazione, le inquietudini di adolescente ribelle alle prese con l’incapacità di venire a patti con il mondo che lo circonda e con il suo stesso bruciante desiderio di libertà. Isolato tanto in famiglia quanto tra i suoi coetanei, picchiato dal padre e deriso da quelli che vorrebbe come amici, incapace di avvicinarsi all’universo femminile, Chinaski compie con rabbia la sua crescita intellettuale e sentimentale: in pochi anni brucia le illusioni di ricchezza e benessere del padre così come il perbenismo della madre, rifiuta una per una le proprie amicizie, affronta beffardamente la frustrazione dei suoi primi desideri d’amore. Ma allo stesso tempo scopre la biblioteca pubblica e la compagnia impareggiabile dei libri, il conforto dell’alcol, l’inutilità della scuola e le possibilità di riscatto riservategli dalla scrittura.
Panino al prosciutto è quindi soprattutto la storia di un affrancamento dalla casa del padre e dal mondo di tutti i padri, un viaggio adolescenziale verso la libertà che l’autore ci narra con il suo stile unico, acre, sarcastico, ma anche sottilmente e teneramente disperato.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Charles Bukowski

Shakespeare non l'ha mai fatto (Fotografie di Michael Montfort)

Shakespeare non l'ha mai fatto (Fotografie di Michael Montfort) di

“Non molto da dire sul volo: Linda Lee e io siamo stati accusati di fumare marijuana. Dopo dieci o venti minuti buoni abbiamo convinto il capitano, o chiunque fosse, che non fumavamo marijuana. Abbiamo bevuto tutto il vino bianco disponibile, poi tutto quello rosso. Linda si è addormentata e io ho bevuto tutta la birra che c’era sull’aereo.” Shakespeare è l’Europa, l’Europa che si immaginano da...

Compagno di sbronze: Nuova traduzione

Compagno di sbronze: Nuova traduzione di

Poeta dell’eccesso, Bukowski porta alta la bandiera di un anticonformismo californiano che ha una lunga storia alle spalle (una storia che comprende Henry Miller, i poeti Beat e una cultura underground tanto articolata quanto pittoresca). In Compagno di sbronze, forse più che altrove, la vena satirico-umoristica dell’Autore assume talora colorature selvagge o addirittura feroci. Colpa dell’atmo...

Il grande: Poesie III (Nuova traduzione)

Il grande: Poesie III (Nuova traduzione) di

Charles Bukowski si guarda intorno, i giovani, il computer, gli alcolici, e riflette sulla sua età, non ha ancora scritto abbastanza per andarsene, eppure sente già che si parla della sua morte. Ecco dunque da queste riflessioni l’ultima raccolta delle sue poesie.La poesia prudente e gli uomini prudenti durano solo lo stretto necessario per morire tranquilli. Il grande è la personificazione del...

Sull'amore

Sull'amore di

Questa raccolta inedita di poesie attraversa tutte le sfaccettature dell’amore secondo Charles Bukowski: l’amicizia, la riconoscenza verso il suo editore, l’affetto per la sua unica figlia, la devozione per i maestri; e, ovviamente, il sesso, la passione e il desiderio nei confronti di tutte le donne, dagli incontri di una notte a quelli che gli hanno cambiato la vita. E poi l’amore per i libri...

Storie di ordinaria follia: Erezioni Eiaculazioni Esibizioni (Nuova traduzione)

Storie di ordinaria follia: Erezioni Eiaculazioni Esibizioni (Nuova traduzione) di

La biografia di Bukowski include due tentativi di lavorare come impiegato, dimissioni a cinquant’anni suonati, “per non uscire di senno del tutto”, e vari divorzi. Al tempo in cui scrive questi racconti Buk ha cinquant’anni, le tasche vuote, lo stomaco devastato, il sesso perennemente in furore. Soffre di emorragie e di insonnia, passa le giornate cercando di racimolare qualche vincita alle cor...

Il sole bacia i belli: Interviste, incontri, insulti

Il sole bacia i belli: Interviste, incontri, insulti di

“Essere pagato per scrivere è come andare a letto con una bella donna e dopo mi dà un rotolo di banconote”“Molti dicono che Charles Bukowski non esista. Una leggenda metropolitana, che dura ormai da anni, afferma che tutte le poesie turbolente da lui firmate in realtà siano state scritte da una vecchia scorbutica dall’ascella cespugliosa.” Così scriveva nel marzo del 1963 un giornalista del “Li...