Vai Razzo, veloce e feroce! (Iride)

“Io sono un uomo di sport. Non faccio un mestiere che possa permettermi di salvare la vita a una persona; che so, il medico, l’infermiere, il cooperante, il vigile del fuoco o chi sa cos’altro. Sono uno sportivo, mi nutro di emozioni in questa mia avventura lunga come tutta la mia vita e queste emozioni cerco di condividerle con coloro che mi seguono. Non so se le emozioni sportive possano aiutare a vivere meglio in questo momento di crisi economica, sociale e civile. In questo momento in cui il mondo sembra in fiamme. Però io ci provo, provo a seminare in giro cose di cui ricordarsi con piacere, consapevole che senza emozioni la vita è priva del suo sale, un po’ come una pista che si sfalda”.
Questa è la storia di un ragazzo emiliano che a quattro anni già andava come un razzo sugli sci e aveva deciso che avrebbe conquistato il mondo. Giuliano Razzoli, Campione Olimpico di slalom speciale, è uno dei più grandi sciatori Azzurri di sempre, uno degli unici tre Nazionali italiani (con Piero Gros e Alberto Tomba) ad aver vinto la medaglia più preziosa ai Giochi olimpici (Vancouver 2010) nella sua specialità. Per la prima volta racconta di sé, del suo sport, dei sacrifici enormi fatti per arrivare in vetta e della sua famiglia, la sua vera forza.
“Sono stato il primo emiliano ad aver vinto nello sci tutto quello che c’era da vincere… ma ecco che, quando la poesia sembrava finita in seguito al mio ritiro dall’attività agonistica, arrivano le Olimpiadi invernali di Vancouver e tutti alla tv, nella seconda manche, possono apprezzare lo slalom speciale d’oro di un altro emiliano: Giuliano Razzoli. Un altro ‘cittadino’ ha scritto la storia di questo sport”. (Alberto Tomba)
“In questo libro che ha il pregio di non aprire polemiche con chi non può rispondere e che ha il buongusto di evitare retroscena di basso profilo a luci rosse, inventati giusto per fare cassetta (ormai una costante), la presenza della famiglia è una sorta di denominatore comune, lo noterete, a tutti gli avvenimenti. È bellissimo, nella sua immensa semplicità, leggere che per Giuliano il ricordo più forte della vittoria olimpica è la faccia felice del padre. Una famiglia sempre presente con i suoi valori anche un po’ retrò della provincia italiana che sembrano spariti ma che ancora, se li vuoi cercare, esistono eccome”. (Davide Labate)
“Per lo sci e per lo sport in generale sono straordinariamente preziose persone come Giuliano Razzoli”. (Marcello Marchi)

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Luca Leone

Tre serbi, due musulmani, un lupo (Orienti)

Tre serbi, due musulmani, un lupo (Orienti) di Luca Leone Infinito edizioni

A Prijedor, in Bosnia Erzegovina, in quella che oggi si chiama Repubblica serba di Bosnia (Rs), nella primavera-estate del 1992 succedono cose spaventose. Sembra d’essere tornati ai tempi del nazismo. Gli ultranazionalisti serbo-bosniaci vogliono sradicare i “non serbi” attraverso due strumenti: deportazione e omicidio. Vengono creati per quest’ultimo scopo tre campi di concentramento. Che ben ...

Višegrad. L’odio, la morte, l’oblio (Orienti)

Višegrad. L’odio, la morte, l’oblio (Orienti) di Luca Leone Infinito edizioni

Nella primavera del 1992, all’inizio del conflitto che sino alla fine del 1995 insanguinerà la Bosnia Erzegovina, Višegrad viene sottoposta a un intenso bombardamento da parte dell’esercito regolare jugoslavo. Ritiratesi le forze armate, millantando una situazione ormai sicura e sotto controllo, la cittadina della Bosnia orientale finisce sotto il controllo di un gruppo paramilitare guidato dai...

Eden: Il paradiso può uccidere (Narrativa)

Eden: Il paradiso può uccidere (Narrativa) di Luca Leone Infinito edizioni

Una spedizione scientifica sui generis, un incidente, l’ingresso in un mondo incredibile che dietro l’apparenza nasconde un segreto insvelabile. Un segreto di guerra e di dominio che fonde passato remoto e presente in un connubio possibile e fatale. «Pensa a quei conflitti, a quelle dittature… o a quei nuovi governi che, pretendendo libertà e autodeterminazione, respingono la protezione dei ...

I bastardi di Sarajevo (Orienti)

I bastardi di Sarajevo (Orienti) di Luca Leone Infinito edizioni

“La scrittura acre e tosta di Leone manda di morte e polvere da sparo e ci indirizza verso un’Ade balcanica senza ritorno e senza via d’uscita, ove la cartolina ridente della Bosnia Erzegovina e della pittoresca Sarajevo si scolora, accartoccia, annerisce, come buttata nelle braci ardenti del camino della Storia recente, per poi divenire velina nera e negativo evanescente che scompare in cenere...

La pace fredda: È davvero finita la guerra in Bosnia Erzegovina? (Orienti)

La pace fredda: È davvero finita la guerra in Bosnia Erzegovina? (Orienti) di Luca Leone Infinito edizioni

“La pace è fredda perché la guerra è ancora calda. Basta esaminare l’apartheid ancora dominante nel sistema scolastico o il rifiuto di una memoria non dico condivisa ma almeno solidale e rispettosa. Basta osservare il disinteresse delle autorità alla richiesta di giustizia che ancora si leva dalle donne sopravvissute allo stupro. Con la giustizia non si fanno soldi e non si ottiene consenso: ...

Fare editoria: Viaggio tra i mestieri del libro (Gutenberg Lab)

Fare editoria: Viaggio tra i mestieri del libro (Gutenberg Lab) di Luca Leone Infinito edizioni

Molte persone sognano di fondare una casa editrice o di lavorarci, oppure di pubblicare un libro, d’entrare nel mondo della distribuzione editoriale, magari on line, o di aprire una libreria. Fare editoria spiega quali sono i passi da compiere, i meccanismi, le problematicità, i vantaggi, gli svantaggi del settore e le prospettive del lavorare in un mondo così amato e così sconosciuto, quale ...