La locanda delle streghe

Compra su Amazon

La locanda delle streghe
Autore
Brera Paolo
Editore
Algama
Pubblicazione
19 dicembre 2016
Categorie
Una locanda è anche un luogo sinistro. Il viaggiatore arriva da lontano, non conosce nessuno, ci resta per poco. E quando dorme, ignaro di tutto, chi può sapere quali insidie non si possano materializzare? Già nell’antichità classica gli osti, i caupones, erano sospettati di orrendi misfatti: per esempio, di uccidere gli avventori e farne salsicce da servire a quelli dopo.Ma rispetto a certe altre fantasie, è ancora niente. Le strade dell’Inferno sono lastricate di buone intenzioni, ma se ai loro lati ci sono degli alberghi, quali pericoli celano? Le ostesse non saranno poi streghe, i mici potenze tenebrose? Certo in cucina sobbollono ingredienti innominabili, dalla mandragora al colchico, dalla coda di rospo alle ali della rattapignatta, dalla Marmite alle hamburger McDonald’s. Altro che le pensioni romagnole!Lo sfortunato che passa di lì non può aspettarsi delizie da inclusive tours. Deve temere la perdizione del corpo e magari quella dell’anima. In questo volume sono riuniti due casi insigni di locande dove agiscono delle streghe: uno descritto dall’anglo-polacco Conrad, uno da Caragiale, un grande romanziere rumeno. Serio e tenebroso il primo, faceto e tenebroso il secondo.Con testi originali a seguire.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Brera Paolo

Cantico dell'adulterio (I racconti di Brera)

Cantico dell'adulterio (I racconti di Brera) di

L’adulterio è un tema affascinante, ed è ciò che unisce i racconti di questo libro. Spaziano da Margherita di Navarra a Turgenev, dalla Romania alla Francia, dal marchese de Sade a Joseph Conrad. Gli aspetti biologici sono in ombra, quelli psicologici vengono in primo piano. Il racconto di Turgenev per esempio è un capolavoro, non c’è abitante di Ferrara o psicologo freudiano che possa esimersi...

Prigionieri del Caucaso

Prigionieri del Caucaso di

Il Caucaso, per i russi dell’Ottocento, è una terra selvaggia, romantica, piena di bellezze naturali. Che fosse abitato da diverse nazioni, non tutte amichevoli, spesso feroci nel difendere la propria indipendenza, era una circostanza spiacevole ma eminentemente rimediabile, col ferro e col fuoco. Di questo vasto immaginario caucasico dei russi traeva beneficio, e tanto, la letteratura. Non sol...