Il libro di un uomo solo

"Il libro di un uomo solo" è la storia d'amore, tormentata e sensuale, tra un maturo intellettuale cinese in esilio e un'"ebrea fornita di un cervello tedesco e che parla cinese", Margarethe; ed è il sofferto racconto della vita in Cina durante la Rivoluzione culturale, l'epoca in cui i figli denunciavano i genitori, i vicini spiavano i vicini, gli artisti - come accadde a Gao bruciavano i propri quadri e le proprie poesie. "Perché tutto ciò?" chiede Margarethe. Perché, spiega il protagonista-narratore, "bisognava trovare dei nemici. Senza nemici, come avrebbe fatto il regime a esercitare la sua dittatura?".

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

La lingua prigionieraIl Consigliere Letterario

Romanzo indimenticabile, durissimo e struggente, nonché documento di enorme importanza, Il libro di un uomo solo è un’ulteriore conferma del purissimo talento narrativo di Xingjian, uno degli autori più significativi nel panorama letterario contemporaneo. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Xingjian Gao

Una canna da pesca per mio nonno

Una canna da pesca per mio nonno di

Racconti freschi, affascinanti, in cui la materia narrativa è un'evocazione dalla quale nascono sogni, riflessioni, ricordi e in cui prende vita una prosa controllata e vibrante. I personaggi sono enigmatici, lievi e i fatti narrati rapide tracce di esistenze balenanti. In una lingua limpida e cristallina, duttile e musicale Gao riesce a farci comprendere un mondo lontano e per molti versi mist...