Marta Russo: Vent'anni senza te.

Su Marta è stato scritto tanto. Forse troppo.
Oggi ho voluto parlare io, per raccontarvi di lei con gli occhi di una sorella: per mostrarvi,
anche se in poche parole, cosa abbia significato perderla per sempre e in questo modo.
Lo considero solo un preludio a qualcosa di più grande che farò nei prossimi mesi.
Dopo venti anni sospesi nel suo ricordo mi sono resa conto del fatto che non mi ero
mai pronunciata sulla sua morte e sulla sua vita. Avrei dovuto farlo prima. L’ho pensato
ogni volta che qualcuno scriveva su Marta, vendendo la sua storia per proprio tornaconto,
senza mai occuparsi davvero della sua memoria, aiutando magari l’associazione
nata in suo nome. E allora, proverò a farlo io, insieme a tutti voi.
Questo piccolo libro costa 1€, perché voglio che più persone possibili possano leggerlo
e, allo stesso tempo, per dare una mano all’Associazione Marta Russo che si sostiene da
sola da quasi vent’anni, perseguendo con dignità la missione che Marta ci ha lasciato:
portare nel nostro Paese la cultura della donazione degli organi.
Marta vive nelle persone che invecchiano grazie a lei.
Marta vive nelle mie parole e in quelle dei miei genitori.
Marta vivrà se più persone possibili la ricorderanno nel migliore dei modi possibili, aiutandoci
a diffondere il suo nome e l’amore verso il prossimo che porta con sé. - Tiziana Russo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Tiziana Russo

Marta Russo, mia sorella: A vent'anni dall'omicidio della Sapienza, un racconto intimo fra ricordi e affetti

Marta Russo, mia sorella: A vent'anni dall'omicidio della Sapienza, un racconto intimo fra ricordi e affetti di Tiziana Russo GoWare & LOG

La mattina del 9 maggio 1997 una pallottola colpisce alla testa Marta Russo mentre cammina in un cortile dell’Università “La Sapienza” di Roma. Dopo 5 giorni di coma, il 13 maggio la studentessa muore. La giustizia riconosce colpevoli Giovanni Scattone e Giovanni Ferraro, ma lascia aperti molti interrogativi inquietanti. Fra lettere, diari, documenti inediti e squarci di intimità famigliare, ...