Soft Machine 1968-1981 (Dischi da leggere Vol. 11)

Compra su Amazon

Soft Machine 1968-1981 (Dischi da leggere Vol. 11)
Autore
Carlo Pasceri
Pubblicazione
6 giugno 2017
Categorie
1968-1978 (con l’appendice del disco pubblicato nel 1981): questo è il tempo trascorso per la pubblicazione di undici dischi di un gruppo che ha accumulato più di un primato. Un autentico e formidabile gruppo-laboratorio di ricerca e sviluppo musicale che ha lasciato complessivamente un’opera tra le più dilatate e dense, i Soft Machine sono inter-generi tra Rock, Jazz e Avanguardia novecentesca (rumorista-minimalista), mantenendo una cifra inconfondibile. Sono un congegno duttile così sofisticato che è in grado di modellarsi per ogni occorrenza. Questo gruppo, formato da musicisti provenienti dalla provincia inglese, ha dato un impulso formidabile alla musica Rock.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Carlo Pasceri

Quaderni Musicologici (Ritmo, Melodia, Armonia, Timbro)

Quaderni Musicologici (Ritmo, Melodia, Armonia, Timbro) di

Questo libro si propone di fornire informazioni su ciò che la musica è e come possa funzionare, i suoi assetti sistematici di combinazioni di suoni e silenzi disposti nel tempo. La musica è un unico ente che si presenta sotto un quadruplice aspetto (ritmo, melodia, armonia e timbro), e che, a seconda del genere e dello stile, dell’artista, del brano e finanche dell’eventualità del momento, può...

Jethro Tull - Stand Up, Benefit, Aqualung (Dischi da leggere Vol. 12)

Jethro Tull - Stand Up, Benefit, Aqualung (Dischi da leggere Vol. 12) di

I Jethro Tull prima della svolta progressive. Per questo volume abbiamo scelto di analizzare tre dischi che formano un corpus unico (la trilogia celtico-sassone) in un susseguirsi di incrementi di durezza ed elettricità che sfoceranno nel capolavoro Aqualung. I Jethro Tull sono uno dei pochissimi gruppi rock le cui sorti sono indissolubilmente legate a quelle del proprio capo, Ian Anderson, che...