La ferocia Dall'Adige all'Isonzo nella Grande Guerra

"Siamo in trincea da ieri sera e c'è l'aria che precede gli assalti; zaffate di alcolici, puzza di vomito e urina. Le trincee che occupiamo erano in mano a un reparto di ungheresi; ce lo ripetiamo per convincerci che sono avversari battibili [...] Guardo il capitano, guardo la terra di nessuno, brulla e giallastra; l'ufficiale sembra non sentire il peso degli sguardi su di sé. Mormoro qualcosa agli uomini più vicini in modo che si tengano pronti. È questione di secondi, ogni uomo lo sente su di sé il momento dell'attacco. I nervi si tendono al massimo, le unghie graffiano le canne dei fucili, i colli si allungano verso l'alto e finalmente il fischio del capitano taglia l'aria come una spada affilatissima. Tutti fuori!"

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di appoloni valentino

La mia Grande Guerra sul Carso

La mia Grande Guerra sul Carso di

Il fante Giuseppe e i suoi compagni raccontano il loro Carso; la temerarietà degli Arditi, lo sgomento davanti alla terra di nessuno, l'ansia prima dell'assalto, l'impatto dei paesaggi devastati dalla guerra. L'unico valore che non muore è l'amicizia tra gli uomini delle trincee.

I morituri Dagli altipiani al Piave nella Grande Guerra

I morituri Dagli altipiani al Piave nella Grande Guerra di

"Dovrebbero dare una pistola in dotazione a tutti, anche ai graduati e ai soldati, per migliorare la capacità di difesa e lo spirito offensivo; il fucile, negli stretti camminamenti, crea impaccio. Nei colpi notturni, nelle imboscate, in certi attacchi l'arma corta è come un naturale prolungamento della mano. Inoltre la pistola ha qualcosa di banditesco che si adatta al temperamento di alcuni d...