Rondini d'inverno: Sipario per il commissario Ricciardi

Il Natale è appena trascorso e la città si prepara al Capodanno quando, sul palcoscenico di un teatro di varietà, il grande attore Michelangelo Gelmi esplode un colpo di pistola contro la giovane moglie, Fedora Marra. Non ci sarebbe nulla di strano, la cosa si ripete tutte le sere, ogni volta che i due recitano nella canzone sceneggiata: solo che dentro il caricatore, quel 28 dicembre, tra i proiettili a salve ce n'è uno vero. Gelmi giura la propria innocenza, ma in pochi gli credono. La carriera dell'uomo, già in là con gli anni, è in declino e dipende ormai dal sodalizio con Fedora, stella al culmine del suo splendore. Lei, però, cosí dice chi la conosceva, si era innamorata di un altro e forse stava per lasciarlo. Da come si sono svolti i fatti, il caso sembrerebbe già risolto, eppure Ricciardi è perplesso. Mentre il fedele Maione aiuta il dottor Modo in una questione privata, il commissario, la cui vita sentimentale pare arrivata a una svolta decisiva, riuscirà con pazienza a riannodare i fili della vicenda. Un mistero che la nebbia improvvisa calata sulla città rende ancora piú oscuro, e che riserverà un ultimo, drammatico colpo di coda.

«Il vento tagliente. Fuochi d'artificio, vecchie
stoviglie lanciate da balconi e finestre.
Una cena cilentana che aspetta,
e che non sarà mangiata. Un ospedale,
l'odore dei disinfettanti, una porta chiusa.
Una donna bellissima e aristocratica
in lacrime, vestita di velluto viola, come
i suoi occhi. Una ragazza con gli occhiali
che corre.
Un vecchio che saluta un giovane
e un mandolino.
La solita, stranissima emozione fatta
di sollievo e nostalgia.
Ciao, Ricciardi. È stato meraviglioso
incontrarti ancora una volta».
Maurizio de Giovanni

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Rondini d’invernoMangialibri

L’ennesimo omaggio che l’autore fa alla sua città e alle sue bellezze, musica compresa. Banale (quando l’idea è venuta a qualcun altro) quanto difficile da realizzare, la trilogia si basa sulla storia principale che sviluppa in modo accuratissimo, a mio parere la cosa veramente geniale, una canzone del repertorio classico. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Maurizio de Giovanni

Vipera: Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi (Einaudi. Stile libero big)

Vipera: Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi (Einaudi. Stile libero big) di

Il romanzo dell'amore impossibile, una città sospesa sull'abisso, un personaggio di donna che rivela il cuore segreto di ognuno. Ripercorrendo la vita troppo breve di Vipera, Ricciardi scoprirà tutto il dolce e tutto l'amaro della vita. Una nuova primavera si affaccia, e tenta uomini e donne con i suoi profumi, ma anche il male è nell'aria. Manca una settimana a Pasqua nella Napoli del 1932. Al...

Sara al tramonto (Nero Rizzoli)

Sara al tramonto (Nero Rizzoli) di

NERO RIZZOLI È LA NUOVA BUSSOLA DEL NOIR ITALIANO FIRMATO RIZZOLI. Sara non vuole esistere. Il suo dono è l'invisibilità, il talento di rubare i segreti delle persone. Capelli grigi, di una bellezza trattenuta solo dall'anonimato in cui si è chiusa, per amore ha lasciato tutto seguendo l'unico uomo capace di farla sentire viva. Ma non si è mai pentita di nulla e rivendica ogni scelta....

Souvenir (Einaudi. Stile libero big)

Souvenir (Einaudi. Stile libero big) di

A ottobre il tempo è ancora indeciso. Un giorno fa caldo, quello dopo il freddo e l'umidità ridestano la gente dall'illusione di una vacanza perenne e la riportano alla realtà. Anche il crimine, però, si risveglia. Un uomo viene trovato in un cantiere della metropolitana privo di documenti e di cellulare; qualcuno lo ha aggredito e percosso con violenza. Trasportato in ospedale, entra in coma...

I Guardiani: Napoli ha un'altra verità. Ed è nelle loro mani.

I Guardiani: Napoli ha un'altra verità. Ed è nelle loro mani. di

UNA SERIE CHE CAMBIA TUTTE LE REGOLE Napoli non è una città come le altre. Napoli non è neppure una città sola. Perché sotto quella che conosciamo ce n'è una sotterranea, nascosta agli occhi del mondo, con il buio al posto del- la luce. Marco Di Giacomo l'aveva intuito, un tempo, quando era un brillante antropologo e aveva un talento unico nell'individuare collega- menti invisibili tra le cose....

Le solitudini dell'anima (VINTAGE): con un racconto sul giovane Ricciardi

Le solitudini dell'anima (VINTAGE): con un racconto sul giovane Ricciardi di

Malinconia, amore, ironia, crimine, suspense, crudeltà e passioni di una città ricca di contraddizioni come Napoli: in questa antologia la maestria di de Giovanni trova il suo compimento nella scrittura agile e accattivante del racconto: da Dieci centesimi, l’avventura sorprendente di un giovanissimo Ricciardi, al romantico Ti voglio bene, de Giovanni accompagna il lettore in un mondo di uomini...

Pane: per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big)

Pane: per i Bastardi di Pizzofalcone (Einaudi. Stile libero big) di

Quanta vita, quante vite. E quanto buon odore di pane, in città. Se non ci fosse anche il delitto. Quando un omicidio divide in due le forze di polizia, il gioco si fa davvero duro per i Bastardi, che per molti devono ancora dimostrare di esserlo davvero, dei bravi poliziotti. Da un lato ci sono loro, che seguono l'odore del pane. E del delitto. Ma dall'altra ci sono i tosti...