Una Stella in fuga: (dal quartiere Libertà) (verde Vol. 4)

Compra su Amazon

Una Stella in fuga: (dal quartiere Libertà) (verde Vol. 4)
Autore
Vito Ventrella
Pubblicazione
05/09/2017
Categorie
In una fredda e piovosa sera d’inverno, due oscuri e strani personaggi si presentano al parcheggio della stazione di Bari, chiedono al parcheggiatore abusivo se li può portare a Brindisi. L’abusivo accetta, lascia sua figlia alla stazione, la ragazzina aspetterà invano il suo rientro. Lungo la strada l’abusivo capirà di essersi cacciato in una trappola, è un prigioniero di guerra o quasi. Al porto di Brindisi lo costringono con le buone a caricare in macchina delle casse pesantissime piene di armi e a imbarcarsi con loro, diretti in Albania dove, scaricate le casse, tenteranno di eliminarlo.
Alla stazione, nel frattempo sua figlia conosce una bella sbandata, è giunta dal Nord senza un soldo e si prostituisce. Tra le due donne nasce un sentimento di amicizia, e quando Anne accetta di salire in macchina con un tipaccio, Stella, sospettosa, li segue in bicicletta e scopre che l’uomo l’ha rapita per poterla prostituire in una villetta all’onorevole di turno.
Il padre della bambina riuscirà a liberarsi dei suoi aguzzini, ma per salvare Anne la bambina si trasformerà in una piccola amazzone.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Vito Ventrella

Aylan: se il mattino non incomincia dal pulito (verde Vol. 4)

Aylan: se il mattino non incomincia dal pulito (verde Vol. 4) di Vito Ventrella

Perché viene così spontaneo, nei discorsi che svolgiamo sui migranti e le loro tragedie, usare termini e metafore attinte dalla Bibbia? “Esodo”, “Diluvio di genti”,” Babele di linguaggi”, “Strage degli innocenti”, e così via? E’ solo una casualità retorica, o c’è qualcosa di più necessario? A me sembra che ci sia qualcosa di terribilmente esatto nell’usare quei termini e quelle metafore. L’...