Alla sua mercé: Il dolce sapore della resa

Compra su Amazon

Alla sua mercé: Il dolce sapore della resa
Autore
Charmel Roses
Pubblicazione
28 settembre 2017
Categorie
Una parola, una semplice parola capace di soggiogare. Una parola e i suoi occhi fissi dentro me, che scavavano tra le mie emozioni e le accordavano, per far sì che io mi piegassi, rimettendomi alla dolce e tormentata melodia che lei mi impose. Paola era la mia Padrona. io ero il suo schiavo. In questa semplice verità, io la riconobbi e la sentii dentro me. In questa verità, io le appartenevo ed ero alla mercé dei suoi desideri e delle sue voglie.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Charmel Roses

Remissione

Remissione di

Era la mia natura, il mio modo di vivere e sentire, un'emozione da cui non potevo far ritorno. Era amore e morte. Ed era vita, che non potevo rinnegare. Con fare timoroso, come un cane randagio e affamato, mi avvicinavo alla mano tesa che mi offriva il cibo. Boccone dopo boccone, quella stessa mano, decretava la mia condanna e il nutrimento che, generosamente, elargiva, diveniva indispensabile,...

Sogni Dimenticati

Sogni Dimenticati di

E c'è sempre, nell'amore, l'intensa e delicata intimità di antichi giochi, l'innocenza e il dolce abbandono, la quieta e febbricitante assenza di pudore. Riconoscere e riconoscersi e, ancora, semplicemente, amarsi...

Ai piedi di Margot: Il coraggio di essere se stessi

Ai piedi di Margot: Il coraggio di essere se stessi di

Sempre, facevo ritorno ai suoi occhi. Con la costanza e la tenacia di un’ossessione, di una follia che mi consumava e mi rigenerava, soccombevo, asservito alla maestosa e fiera arroganza di quello sguardo che m’induceva a chinare il capo e a pregarla. Il respiro del mio desiderio, necessitava continuamente del suo consenso per poter esistere e protendersi verso lei. E così, io vivevo e la...

La Voluttà Della Perdizione

La Voluttà Della Perdizione di

Era già nella mia mente, il presentimento, la voluttà della perdizione. Era lì, nell’eco affilata della sua risata che si abbatteva sul mio essere già corrotto. Era nella mia mente. Era Lei: la Despota, la Tiranna, il mio destino e la mia condanna. Era questo, Manuela, una forza spietata e selvaggia cui non potevo oppormi. La mia vita le apparteneva e lei la prese, così come voleva.

Grazia Lasciva

Grazia Lasciva di

Uomini devoti, adoranti, bramosi. Uomini che ardono nel desiderio di appartenere alla Donna, al suo essere capace di ammaliare, annichilire, al suo essere al di là e al di sopra dell’uomo che cerca di ghermirla, come Dea e Padrona da pregare ed invocare. La Donna che è sempre perfetta, nel suo essere assoluto, nella sua suprema bellezza. La Donna che può amare e punire, e l’uomo, incompleto e...