Due racconti: Un caso di coscienza - Ho sognato l'Ospedale

"Un caso di coscienza"

«Io chiedo soltanto di contemplare in pace la bellezza del mondo». Tale è il mio grido del cuore, che viene chiarito qui appresso: «rifuggo dal "troppo umano". Le storie non mi interessano. Eppure so che solo le piccole storie esistono».
E allora? Come posso aver avuto a che fare con un caso di coscienza? Trovare le parole per raccontarlo è stato il mio compito, intorno al «caso» che mi coinvolse tanti anni fa. La sorte – la mia, naturalmente – mi ha offerto una circostanza, per cui ho potuto abbinare i due impegni: indagare – dentro la mia coscienza – sulla piccola storia, e nello stesso tempo (in senso letterale, cioè negli stessi giorni, nelle stesse ore) contemplare la bellezza del mondo, per di più nella forma che per me è di massimo conforto: una vista di montagne in un amplissimo giro d'orizzonte, e, vicinissima, intrigante, la vita minuta degli insetti: cavallette, grilli, api. La contemplazione, in alternativa, ha certo favorito la concentrazione, ma questa soltanto è creativa.
La mia memoria è sapiente; è fedelissima, però solo per rari momenti, così che il passato è insieme presente: in quanto essa non crea flusso, ma rivela (inventa). Il tutto è anche confessione? Necessariamente.
– Lalla Romano

"Ho sognato l'ospedale"

Le cliniche sono alberghi di lusso; l'Ospedale è un'altra cosa. Il compito dell'Ospedale è di natura primaria: l'esame del corpo, il controllo delle sue funzioni. Tale compito è sorretto da una disciplina ferrea, attenuata magari dalla gentilezza degli addetti. Punte di grottesco, di comicità involontaria, ma anche incontri umani sorprendenti rendono indimenticabile l'esperienza.
L'occhio di uno scrittore trasforma il realismo dell'Ospedale in una visione fantastica (onirica): da ciò il «sogno dell'Ospedale». Ne può nascere un racconto «estremo».
– Lalla Romano

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lalla Romano

In vacanza col buon samaritano (Einaudi tasc. Scritt. tradotti da scritt.)

In vacanza col buon samaritano (Einaudi tasc. Scritt. tradotti da scritt.) di

Dalle vacanze di oggi, protette da un moderno samaritano, alle apparizioni di Alessio, un personaggio leggendario ed elusivo, segnato dal male misterioso e innominabile che avrà il conforto di un'altra samaritana, anch'essa capace di pietà vera, Lalla Romano ci regala una storia «doppia»: tragica e rasserenata. Dal tempo e dalla memoria. A fare da sfondo una cittadina ligure di villeggiatura, c...

Pralève e altri racconti di montagna

Pralève e altri racconti di montagna di

Una narrazione delicata e intensa e una serie di racconti brevi formano un insieme vasto, profondo e variopinto.La vacanza in montagna si trasforma per l'autrice nell'occasione per fuggire – o ritornare, nel momento in cui ricorda e scrive – su un'isola lontana dal mondo, dove può osservare ogni cosa per tutto il tempo che merita e penetrare, descrivendola, fino alla radice delle cose. Così tra...

Inseparabile

Inseparabile di

Al centro di "Inseparabile" ci sono l'autrice medesima e l'Emiliano già protagonista dell'"Ospite", nel rapporto speciale di una nonna col suo nipotino, ricreato sul filo di incontri, vacanze, piccoli e grandi eventi che si susseguono nel corso di alcuni anni. Mentre lui cresce e condivide con lei letture, pensieri, giochi e passatempi, altre persone si muovono e interagiscono: Marlène, la mamm...

L'ospite

L'ospite di

Chi è l'ospite?Presentato via via come tartaruga, come anemone marino, come gatto di casa, in certi momenti è una divinità: nostrana o esotica. D'altronde l'ospite ha un nome umano e alla fine della storia è detto di lui che «si ricorda della sua giovinezza».Dove è capitato l'ospite?Appunto presso chi ha visto in lui una bestiola da curare, ma anche un portatore di salvezza: e non per confusion...

Maria (Einaudi tascabili Vol. 268)

Maria (Einaudi tascabili Vol. 268) di

Intorno a questo personaggio, Lalla Romano costruisce la storia di una famiglia negli anni trenta e quaranta, ritratta nel flusso quotidiano e inesorabile di affetti, avvenimenti, drammi. Ogni gesto o sentimento è evocato con la discrezione e il riserbo di chi vuole mantenere intatta la voce segreta che ciascun personaggio porta con sé. "Non c'è nella letteratura di quegli anni-ha scritto Pietr...

Un sogno del Nord (Einaudi tascabili. Scrittori)

Un sogno del Nord (Einaudi tascabili. Scrittori) di

Paesaggi lontani e luoghi della memoria; storie di ombre e di incontri; riflessioni personali, letterarie e artistiche si intrecciano senza pretendere di «scoprire una traccia della Storia». Eppure - in queste prose scritte nell'arco di sei decenni - l'itinerario di Lalla Romano finisce col coincidere con la peculiare tradizione europea e con le inquietudini contemporanee. *** «Non un libro add...