Irma Sirena

Il primo racconto scritto da Antonio Tabucchi rappresenta perfettamente quella che era per l’autore l’ambigua dimensione dell’infanzia, “che spia il mondo degli adulti e cerca di imitarlo, senza comprenderlo”.
Già pubblicato da Feltrinelli nel 1980 nella raccolta "L’Astromostro" (a cura di Antonio Porta), viene ora riproposto in un’elegante edizione cartonata e illustrata.
Vi si narra la storia di due compagni di giochi e del loro incontro con una bambina sirena, esposta come attrazione nel baraccone di una fiera. Dopo un incipit assolutamente realistico, le atmosfere via via più fantastiche conducono il lettore verso un finale sul confine del sogno.

Il primo racconto di Antonio Tabucchi, magistralmente illustrato da Gabriella Giandelli.

"Passavamo senza pagare di sotto al telone, proprio dietro l’acquario, sicché nessuno poteva vederci. Sulla vasca c’era scritto:

IRMA SIRENA – LA SIRENA BAMBINA
ATTRAZIONE STRABILIANTE"

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Antonio Tabucchi

I dialoghi mancati - Marconi, se ben mi ricordo

I dialoghi mancati - Marconi, se ben mi ricordo di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

"Il signor Pirandello è desiderato al telefono". Cascais, 1935. Un attore che interpreta Pessoa (o Pessoa stesso?) telefona a Pirandello, perché ha l’anima in pena e “a lui interessano le anime in pena”. Un dialogo a una sola voce, un gioco del rovescio costruito su continue rifrazioni che danno l’illusione di una poetica polifonia. "Il tempo stringe" è un duello mancato. Enrico usa le parole ...

Un baule pieno di gente (nuova edizione): Scritti su Fernando Pessoa

Un baule pieno di gente (nuova edizione): Scritti su Fernando Pessoa di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

“Sembra quasi pleonastico dire che nell’immenso e misterioso Libro che Pessoa ci ha lasciato il centro più riposto, e certo il più imperioso, è l’eteronimia. Eteronimia intesa non tanto come metaforico camerino di teatro in cui l’attore Pessoa si nasconde per assumere i suoi travestimenti letterario-stilistici; ma proprio come zona franca, come linea magica varcando la quale Pessoa diventa un ‘...

Sostiene Pereira: Una testimonianza

Sostiene Pereira: Una testimonianza di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

Lisbona, un fatidico agosto del 1938, la solitudine, il sogno, la coscienza di vivere e di scegliere, dentro la Storia. Un grande romanzo civile. Due premi nazionali come il Viareggio-Repaci e il Campiello e il Prix Européen Jean Monnet. Oltre venti traduzioni all’estero. Una memorabile interpretazione cinematografica di Marcello Mastroianni. Una storia che continua a suscitare il fascino e la ...

Buchettino

Buchettino di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

Buchettino un giorno riceve un soldino dalla mamma e decide di comprarsi un fico; dopo averlo mangiato seppellisce il gambo in giardino, da cui nasce un magnifico albero. Mentre Buchettino è tra i rami che fa una scorpacciata di fichi, passa l’Orco che cerca di ingannarlo per metterlo nel sacco. Ma Buchettino è furbo, riuscirà a sfuggirgli e potrà tornare a godersi il suo albero di fichi.

Per Isabel: Un mandala

Per Isabel: Un mandala di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

“L’importante è cercare, non importa se si trova o non si trova” Come definire una storia come questa? A prima vista potrebbe sembrare un romanzo fantastico, ma forse sfugge a ogni possibile definizione. Tabucchi l’ha sottotitolato “Un mandala”, ma a ben vedere, con criteri tutti occidentali, si tratta in fin dei conti di un’inchiesta, una ricerca che sembra condotta da un Philip Marlowe ...

E finalmente arrivò il settembre

E finalmente arrivò il settembre di Antonio Tabucchi Feltrinelli Editore

Nell’assolato Portogallo della dittatura e delle guerre per le colonie d’oltremare, un drappello di studenti di linguistica, a bordo di un pulmino della Croce Rossa portoghese, parte per le zone più remote del paese. Obiettivo, raccogliere le parole da uomini e donne e bambini che abitino ancora in zone dalla lingua incontaminata. Perché “della lingua possono fare dizionari, glossari, ...