Takaroa

Ci sono viaggi che durano per sempre, che ci portiamo dentro e che ci rendono ciò che siamo. Viaggi che riviviamo dentro, come in un sogno, ogni giorno della nostra vita, come fossero sempre presenti.
Il mio viaggio è cominciato sul ponte del Takaroa, una vecchia barca a vela, tra le onde di un mediterraneo senza tempo, che lega con un filo invisibile, le generazioni che una dopo l'altra hanno saputo amarlo.
I compagni di viaggio a volte contano più del viaggio stesso. I miei sono stati uomini straordinari, anime pure, che sapevano dare un senso a tutto quello su cui posavo gli occhi. Uomini che ogni giorno continuano a darmi risposte, anche se da un altro mondo.
Tra trombe marine e venti caldi di libeccio, tra lenze ingarbugliate e vecchi motori, tra amore e dolore, sono diventato grande, accompagnato dal possente e spietato abbraccio del mare.
Un viaggio nel mare e nella vita, che abbiamo vissuto tutti noi, scandito dal ritmo delle onde.
Il viaggio del Takaroa.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luca Ricci

La persecuzione del rigorista (L'Arcipelago Einaudi Vol. 133)

La persecuzione del rigorista (L'Arcipelago Einaudi Vol. 133) di

Con sguardo limpido e acuto, Luca Ricci racconta una storia di calcio e di chiesa. Una vicenda in cui tutti sembrano essere colpevoli e per ciascuno è chiara soltanto una cosa: «è difficile tener testa alle proprie bassezze». Un giovane prete viene mandato - forse per scontare una colpa - a trascorrere i mesi invernali in un paese sperduto sull'Appennino. Lo attende una manciata di case sprofo...

Gli autunnali

Gli autunnali di

Un uomo, al rientro dalle vacanze d’agosto, è prigioniero del suo stanco rapporto matrimoniale. La moglie Sandra è ancora bella, ma lui non riesce più a provare desiderio per lei. Durante una passeggiata solitaria in un mercatino di Roma, l’uomo viene attratto da un vecchio volume sugli artisti di Montmartre, e rimane stregato dall’immagine di Jeanne Hébuterne, la compagna di Amedeo Modigliani....

I difetti fondamentali

I difetti fondamentali di

"Gli scrittori lavorano nelle tenebre, e come ciechi soppesano l'oscurità" ha detto José Saramago. Ma è davvero possibile raccontare una figura sfaccettata, mutevole e imprevedibile come quella di chi per mestiere inventa mondi? Come rintracciare la sua natura autentica negli abissi dell'immaginazione in cui lavora? Forse bisognerebbe partire dalle cose concrete, dalle pulsioni più animali, dai...