Una fuga per non morire. (Da l'arte della fuga all'arte di vivere)

La musica è l'arte più effimera che c'è, quella che più drammaticamente rappresenta la precarietà e la finitezza della vita, ma è anche l'arte che parla più delle altre con le nostre profondità, dicendo l'indicibile, esprimendo l'inesprimibile, oltre se stessa, oltre la morte. E cos'è L'Arte della Fuga di J. S. Bach se non il brano di musica che simboleggia meglio di ogni altro il pensiero utopico di fuggire dalla certezza della fine, riproponendo simbolicamente l'inizio, dopo essere passati per la sua conclusione? E cos'altro è il suo ascolto se non una meravigliosa forma di "arte di vivere?"

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Il ricordo di un passato...Alessandranna D'Auria

... è quello che mi fa sempre commuovere in libri simili. La bellezza della narrazione personale, la musica vissuta da bimbo, ragazzo, adulto, ogni fase ha la sua sinfonia in un misto di narrazione intima e nostalgica per poi esplodere nelle visioni isteriche e vivaci con le apparizioni di geni musicali. E' un libro che offre un cambio di passo, un cambio di ritmo, mai banale e sempre vivace. Non è solo un libro di musica, è la musica vissuta dall'autore.

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Sergio Petrocchi

Una Fuga per non morire (Jogging)

Una Fuga per non morire (Jogging) di

Con Una fuga per non morire - Da L’Arte della Fuga all’arte di vivere, Petrocchi ripercorre alcune tappe che hanno segnato la sua esperienza nel campo della musica. Gli eventi che alimentano il racconto si frammentano su una linea di demarcazione che viaggia tra l’abisso della fine e la speranza di un nuovo inizio. Il libro corre tra ricordi, emozioni, suggestioni, in una continua alternanza di...