Zero

Che cosa può spingere un critico d’arte contemporanea a scrivere la biografia del «suo» mito che lo ha accompagnato dall’adolescenza all’età matura? Prima di tutto la Zerofollia, credo assoluto al di là delle mode e del tempo. Così Luca Beatrice ripercorre la storia del grande Renato dagli esordi, il primo singolo è del 1967, a oggi, leggendo con passione e rigore filologico la sua carriera e i suoi successi. La vicenda del funambolico cantante romano si intreccia così con quella della canzone italiana, ma anche della cultura in generale, in un’analisi che coinvolge l’arte e il teatro, la performance e la televisione. Ancora oggi Renato Zero canta e balla negli stadi, nei teatri e nei palasport davanti a nonne e mamme, quarantenni e ragazzini, rocchettari e teledipendenti. Perché? Forse è inspiegabile, eppure disco dopo disco, generazione dopo generazione, non c’è in Italia un solo artista capace meglio di lui di interpretare i sentimenti più autentici. Ogni nota racchiude quelle tracce indelebili di un romanzo umano e creativo condiviso da milioni di persone. Canta direttamente al cuore, diventando così la colonna sonora dei migliori anni della nostra vita.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Mangialibri

ZeroMangialibri

Mentre nel mondo della musica internazionale si facevano già i conti con travestimenti, bocca e occhi dipinti di nero, in Italia esisteva ancora una certa banalità melodica, soprattutto era ancora in auge quella “colonna sonora di altre generazioni” che sembrava tener lontani i giovani da un sound che non riconoscevano come proprio. Per fortuna sono poi arrivati i cantautori Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Luca Beatrice

Per i ladri e le puttane sono Gesùbambino: Vita e opere di Lucio Dalla

Per i ladri e le puttane sono Gesùbambino: Vita e opere di Lucio Dalla di Luca Beatrice Baldini&Castoldi

«Mi manca tutto di te. Anche i momenti di eroica fragilità che contribuivano a renderti sempre più grande. Ti volevo e ti voglio bene.» Adriano Celentano «Era un uomo profondamente vivace. Ecco: uno che viveva senza risparmi e senza paura di esaurire l’entusiasmo. Un vero testimone della musica, uno che per la musica ha vissuto.» Francesco Guccini Lucio Dalla è uno dei più grandi musicisti ...