1948: Gli italiani nell'anno della svolta (Biblioteca storica)

"Un tumulto, un’agitazione, un ondeggiare di folle sempre maggiore, da una piazza all’altra, da un comizio all’altro, e blaterare di altoparlanti, e sbocciare di manifesti l’uno sull’altro, e gualdane di attacchini arditi e petulanti come guerrieri d’assalto…"


Paolo Monelli


Per l’Italia repubblicana le vicende del 1948 hanno sancito la fine della travagliata transizione dal fascismo alla democrazia e l’inizio di una fase politica nuova. Il voto del 18 aprile rappresentò anche una netta scelta di campo nel bipolarismo della guerra fredda, scelta che non fu messa in discussione neppure dalla grave crisi dell’attentato a Togliatti, che in quello stesso anno portò il paese sull’orlo di un’insurrezione e di una nuova guerra civile. Come vissero gli italiani quel passaggio tumultuoso? Quali ideali li animarono? Quali stati d’animo, passioni e condizionamenti ne indirizzarono l’orientamento politico? Diari, lettere, interviste, relazioni delle autorità e di pubblica sicurezza, carte di partito, documenti internazionali, giornali, volantini permettono di ricostruire il quadro complesso dell’Italia dell’epoca, illuminando anche molte questioni che hanno caratterizzato i decenni successivi, fino ai nostri giorni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Mario Avagliano

I militari italiani nei lager nazisti: Una resistenza senz'armi (1943-1945) (Biblioteca storica)

I militari italiani nei lager nazisti: Una resistenza senz'armi (1943-1945) (Biblioteca storica) di

La storia degli IMI (internati militari italiani) è la storia dei circa 650mila soldati che, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, furono catturati e deportati dai tedeschi. L’offerta di aderire alle SS o alla repubblica di Salò ed essere rimpatriati fu accettata solo da una piccola parte; la massa scelse di rimanere prigioniera nei lager, come autentico atto di resistenza. Grazie a una ricc...

Dopoguerra: Gli italiani fra speranze e disillusioni (1945-1947) (Biblioteca storica)

Dopoguerra: Gli italiani fra speranze e disillusioni (1945-1947) (Biblioteca storica) di

"ma che cosa speravano dunque tutti? Che il giorno dopo la Liberazione le cose fossero già sistemate a dovere e prendessero il loro corso normale?"partigiana Andreina Zaninetti Libano, 8 maggio 1945"Amore mio qui scoppia il dopoguerra. Speriamo che duri poco"Suso Cecchi d’Amico, 25 maggio 1946I tre anni che vanno dalla fine della guerra all’entrata in vigore della Costituzione repubblicana sono...