Il Buonsenso

La protagonista torna dopo 20 anni nella provincia di Foggia, tra gli anni '50 e '60. Testimone delle condizioni dell'infanzia in quel tormentato periodo storico nel quale la condizione bracciantile era ancora di sottomessa accettazione della miseria. Le bambine, sfruttate tra gli sfruttati, sono le vere protagoniste del racconto che vuole rimarcare la condizione di sofferenza dell'altra metà del cielo dalla nascita alla morte. La tragedia di una morte disvela l'ipocrisia del piccolo paese, scenario di tutti gli eventi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo